Fiorentina, Commisso: “Con Nedved non devo parlarci, mi aspetto delle scuse”

Fiorentina, Commisso: “Con Nedved non devo parlarci, mi aspetto delle scuse”

di Mattia Di Gennaro
De Paola su Commisso

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del Corriere dello Sport. Di seguito le sue dichiarazioni.

Fiorentina, le parole di Commisso

Commisso
Commisso (Getty Images)

Sullo sfogo di domenica: “Lo confermo. Non si è trattato di una esternazione “ad personam”, rivolta alla Juventus. L’ho detto subito, l’ho fatto per il calcio italiano, che poi è quello che viene esportato nel mondo. Su ESPN, per esempio, queste incongruenze nel metodo di giudizio sono state sottolineate in diretta, prima ancora delle mie parole. Ci sono stati dei fatti ed io sono intervenuto per difendere gli interessi della mia squadra”.

Su Nedved: “Buffon, quando la Juventus è venuta al Franchi, per la gara di campionato è stato un “signorone”. Stesso discorso Andrea Agnelli o anche John Elkann, col quale ho scambiato delle battute a New York. Con Nedved io non devo parlarci”.

Se si è pentito di quelle parole: “Assolutamente. E perché mai? Io sono uno battagliero, la mia forza, da sempre, è stata proprio quella di non tirarsi indietro di fronte a niente. L’ho imparato da mio padre, che è stato prigioniero per cinque anni in guerra. E anche da mia mamma, venuta meno all’età di 97 anni e fino a 95 indipendente sotto tutti i punti di vista, dal vivere da sola fino alla gestione quotidiana della casa. Aspetto certe scuse”.

LEGGI ANCHE—> Juventus-Fiorentina, è ancora polemica. Risponde Nicchi: “Gli arbitri italiani sono disgustati”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy