Fiorentina, Caceres: “Ho avuto il Coronavirus per 60 giorni, me lo sentivo nei polmoni”

Fiorentina, Caceres: “Ho avuto il Coronavirus per 60 giorni, me lo sentivo nei polmoni”

di Francesco Melluccio
Allan, il nodo clausola

Martin Caceres, difensore della Fiorentina, ha raccontato la sua (brutta) esperienza con il Coronavirus nel corso di una diretta Instagram sul suo profilo ufficiale. L’ex Juve ha spiegato l’evoluzione della malattia, dai primi sintomi avvertiti nel match dell’8 marzo contro l’Udinese (in cui giocò tutti i 90 minuti) alla guarigione, ben 60 giorni dopo. L’uruguayano infatti, dopo i test di questi giorni effettuati dai medici Viola, è risultato negativo a due tamponi consecutivi, raggiungendo la guarigione completa.

L’ESPERIENZA DI CACERES CON IL CORONAVIRUS

Allan, il rapporto con Gattuso

“Ho avuto i primi sintomi nella settimana dall’8 al 15 marzo”. 8 marzo data dell’ultimo match della Fiorentina, contro l’Udinese, prima dello stop del campionato, gara in cui il centrale uruguayano giocò tutti i 90 minuti. Stesso discorso per German Pezzella e Dusan Vlahovic, mentre l’altro calciatore positivo, Patrick Cutrone, giocò solo i 20 minuti finali. Caceres racconta poi la sofferenza dei giorni seguenti: “Me lo sentivo nei polmoni. Mi è stato detto di stare in quarantena 20 giorni almeno per farmelo passare, ma evidentemente il virus si era innamorato di me e non se ne andava. Si, perché senza saperlo io ho avuto il Covid-19 per 60 giorni dentro al mio corpo”. Oggi, finalmente, dopo i due tamponi consecutivi negativi, Martin Caceres può festeggiare la guarigione completa dal Coronavirus: “Finalmente sono risultato negativo per due tamponi consecutivi, mi sento un uomo nuovo”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy