Castelli, agronomo Serie A: “I campi sono già in ottime condizioni. Al Sud miglioreranno grazie al clima”

Castelli, agronomo Serie A: “I campi sono già in ottime condizioni. Al Sud miglioreranno grazie al clima”

di Mattia Fele

Giovanni Castelli, agronomo della Serie A, è intervenuto a Kiss Kiss Napoli alla trasmissione Radio Goal. Un aspetto da non sottovalutare quello dei terreni di gioco. Dopo tanta inattività ci si chiede se i campi saranno di nuovo adeguati per assicurare uno spettacolo dignitoso, qualora ovviamente si decidesse di alzare il sipario e ripartire con il “secondo tempo” di questo anomalo campionato. Secondo Castelli, agronomo della Serie A, la situazione è delle migliori: i campi infatti hanno smaltito le imperfezioni dovute al freddo invernale, e sono ora pronti e “riposati” più che mai per poter essere stressati anche da molte partite di calcio. Inoltre, una precisazione: al Centro-Sud le temperature dovrebbero favorire un miglioramento costante delle condizioni dei terreni di gioco, a causa soprattutto delle elevate temperature, nel range tra i 30 e i 40 gradi.

 

LEGGI ANCHE – > Napoli, il report dell’allenamento: squadra divisa in gruppi 

 

 

Le parole di Castelli, Agronomo Serie A


“Non ci sarà nessun problema all’inizio con i campi, la primavera è la stagione perfetta per la crescita dell’erba da gioco. I campi quindi saranno adeguati alla ripartenza già da subito, poiché avranno digerito qualche problema relativo al grande freddo invernale. In più dico una cosa: al centro-sud i campi hanno erba bermuda, vale a dire un’erba che beneficerà delle temperature elevate. A 30-40 gradi un terreno del genere può solo migliorare” 

I campi dunque sono pronti ad accogliere i calciatori. Ciò che manca è – ancora – una decisione finale sul quando riaprirli. Pare che il Consiglio Federale nutra ancora dei dubbi, e che alcuni presidenti si stiano opponendo con forza alla data del 13 giugno, secondo alcuni troppo prematura per ripartire. L’AIC, dal canto suo, auspica un allenamento intensivo per i calciatori di almeno 4 settimane per scongiurare infortuni alla ripresa, dato che ci saranno gare molto ravvicinate in fatto di tempo. Il tutto verrà deciso nelle prossime settimane, l’intero Paese non sta nella pelle.

 

 

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SUL NOSTRO PROFILO TWITTER 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy