Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

La missione di Spalletti: far in modo che la notte di San Siro non lasci strascichi

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

La missione di Luciano Spalletti per non rendere la notte di San Siro un nuovo incubo

Sara Ghezzi

Il Napoli ha subito la prima sconfitta in campionato in questa stagione. A dir il vero gli azzurri non perdevano in Serie A dallo scorso 7 aprile. Ma sono solo dettagli utili alle statistiche. I fatti dicono che la squadra di Spalletti è uscita da San Siro sconfitta e perdendo Osimhen per infortunio, e ciò potrebbe portare alcuni contraccolpi psicologici come sottolinea l'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. E sarà questo il momento in cui dovrà intervenire con tutta la sua esperienza il tecnico toscano.

La missione di Spalletti: far in modo che la serata di San Siro non lasci strascichi

 (Getty Images)

Il Napoli in questi anni ha sempre dimostrato di essere una squadra forte tecnicamente, ma la sua fragilità mentale non ha mai permesso a questa squadra di fare il passo più importante. In questo inizio di stagione spesso si è parlato di come Spalletti abbia reso questi ragazzi più consapevoli e pronti ad affrontare qualsiasi difficoltà, questo è il momento di dimostrare di esser veramente diventati grandi. Lo scorso anno l'Inter rappresentò lo spartiacque della stagione azzurra, con la sconfitta subita immeritatamente e l'infortunio alla caviglia di Dries Mertens. Ieri il copione è sembrato simile, con Osimhen al posto del belga, ma il continuo di questa sceneggiatura dovrà essere diverso. Perché Spalletti non vuole alibi come ha sempre detto, vuole il coraggio quello che ti fa vincere. Dopo mesi strabilianti è questo il momento di dimostrare quanto il Napoli sia forte senza lasciar spazio a crolli psicologici. Già mercoledì contro lo Spartak Mosca testa alta e personalità perché anche senza Osimhen si posso continuare una stagione da sogno.