Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Affare Osimhen, il Lille favorì il Napoli per il Fair Play Finanziario – L’Equipe

Vìctor Osimhen (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Il quotidiano francese L'Equipe sostiene che il Lille favorì il Napoli sul fair play finanziario per l'acquisto di Osimhen

Domenico D'Ausilio

Il quotidiano francese L'Equipe sostiene che il Lille favorì il Napoli sul fair play finanziario per l'acquisto di Osimhen, dopo aver visionato i documenti dell’operazione. L'attaccante nigeriano è stato venduto al Napoli per 71,3 milioni di euro più un bonus da 10 milioni di euro. Ma quest'ultimi sono legati al raggiungimento dei quarti di finale in Champions. Quindi potenzialmente 10 milioni (2,5 per 4 anni), per ora sono zero. Operazione da 71,3 milioni, ma il Lille però al netto ne ha incassati circa 36.

Osimhen Napoli, il Lille favorì De Laurentiis per il Fair Play Finanziario

 Vìctor Osimhen (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Dai 71,3 milioni vanno tolti i 20 legati ai quattro calciatori. Uno è il portiere Karnezis che fin qui al Lille ha giocato una sola partita e nemmeno in campionato, e guadagna quanto Osimhen in Francia: 1,2 milioni di euro. Gli altri sono gli ormai noti ex calciatori della Primavera: Ciro Palmieri, Luigi Liguori, Claudio Manzi, ipervalutati cinque milioni di euro ciascuno. Secondo il quotidiano francese si trattò di un’operazione per aiutare il Napoli a rientrare nei parametri del fair play finanziario, facendo risultare venti milioni di entrate fiscali. Dai 51 milioni teorici, il Lille ha dovuto spuntare tre milioni di un’indennità di formazione da destinare ai club precedenti di Osimhen; 8 milioni da versare allo Charleroi per la plusvalenza realizzata e altri 4 milioni da restituire a una banca per un precedente prestito. Nelle casse del club sono finiti 36 milioni che comunque hanno consentito al club di evitare grosse difficoltà finanziarie. L’ingaggio di Osimhen al Napoli sarebbe di 4,5 milioni netti, esclusi i premi. Ossia il quadruplo dell’ingaggio al Lille.