Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Napoli-Lazio, omaggio a Maradona: presenti i vecchi compagni e Infantino

Stadio Diego Armando Maradona view (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

La celebrazione di Diego Armando Maradona tra la sua gente e nel suo stadio, andrà in scena nel segno dell’amicizia prima di Napoli-Lazio

Domenico D'Ausilio

La celebrazione di Diego Armando Maradona tra la sua gente e nel suo stadio, andrà in scena oggi nel segno dell’amicizia. Dopo un incontro tra Bruscolotti e De Laurentiis, infatti, gli azzurri del primo scudetto hanno deciso di partecipare alla cerimonia in programma prima di Napoli-Lazio, nel corso della quale sarà svelata la seconda statua dedicata a Maradona. Secondo quanto riporta l'edizione odierna del Corriere dello Sport, sono attesi anche il presidente della Fifa, Infantino; il presidente della Figc, Gravina; il presidente e l’AD della lega Serie A, Dal Pino e De Siervo; il governatore De Luca e il sindaco Manfredi. Assenti invece Diego jr, Dalma, Gianinna e gli altri eredi: una scelta spiegata in virtù delle tensioni legali in atto con Stefano Ceci, antico membro dell’entourage di Diego che ha donato l’opera, per questioni relative ai diritti d’immagine. 

Napoli-Lazio, omaggio a Maradona

 (Photo by Ivan Romano/Getty Images)

Prima della partita con la Lazio, in agenda alle 20.45, i suoi fedeli applaudiranno il giro di campo della statua del Diego realizzata da Dario Caruso nella fucina della Fonderia Nolana. L’obiettivo è toccare quota 37mila spettatori. Alla fine ci saranno anche gli immortali azzurri del primo scudetto, fino a venerdì inclini a disertare l’invito del club dopo l’episodio del 10 maggio 2017, quando cioè fu loro impedito di entrare allo stadio per un giro celebrativo del trentennale: decisivo l’incontro di ieri tra Bruscolotti, in rappresentanza dei compagni, e De Laurentiis. Tra gli altri annunciati anche Ferlaino, Bagni, Renica e Di Fusco, nonché una serie di videomessaggi firmati dai vecchi amici. Il presidente dell’Uefa, Ceferin, e quello del Coni, Malagò, hanno dovuto declinare per impegni inderogabili.