Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Da Osimhen a Mertens, il Napoli deve puntare ancora sulle giocate di Dries

MOSCOW, RUSSIA - NOVEMBER 24: Dries Mertens of Napoli during the UEFA Europa League group C match between Spartak Moskva and SSC Napoli at  on November 24, 2021 in Moscow, Russia. (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Con Osimhen fermo ai box per infortunio, si torna alla titolarità di Mertens che avrà tutti gli occhi puntati addosso per cercare nell'arduo compito di rimpiazzare il nigeriano.

Giuseppe Ferrara

Con Osimhen fermo ai box per infortunio, si torna alla titolarità di Mertens che avrà tutti gli occhi puntati addosso per provare nell'arduo compito di rimpiazzare il nigeriano.

Da Osimhen a Mertens, il destino del Napoli passerà ancora da Dries

 (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

L'infortunio di Osimhen metterà a dura prova gli azzurri, al nigeriano sono stati diagnosticati almeno 90 giorni di stop. Questo intoppo nel processo azzurro può creare qualche problemino nell'assetto offensivo del Napoli, ma da come si evince dall'ultima gara in campionato contro l'Inter, i partenopei possono contare ancora su Dries Mertens.

Il belga, dopo un periodo di transizione sembra che si stia rimettendo in sesto, cercando in tutti i modi di tornare ad essere quel calciatore che ha fatto innamorare un popolo intero a suon di gol e giocate.

Nella giornata odierna, il "Corriere Dello Sport" ha infatti parlato dell'attaccante in merito alla situazione alla quale i partenopei andranno in contro nelle prossime sfide.

Di seguito le considerazioni pubblicate dal quotidiano:

Si andrà più di tecnica e istinto per affettare le difese: rivedere l'azione del gol con il Torino, ad esempio. E poi anche il golazo con l'Inter: scambi nello stretto, tocchi di classe, rifinitura e poi parabole impossibili ancora custodite nei piedi dorati. Funzionerà? In teoria con Insigne, Zielinski, Fabian e gli altri lui recita a memoria, certo, ma la condizione e il ritmo non sono ancora quelli dei giorni migliori: a Mosca ha sofferto, sì, e in genere le cose non sono andate proprio nel verso giusto finora.