Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Mertens, recordman del Napoli: con l’Empoli nel 2016 iniziò la sua scalata

Dries Mertens (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Corriere dello Sport si sofferma sul recordman di gol con la maglia del Napoli, Dries Mertens che con l’Empoli nel 2016 iniziò la sua scalata

Domenico D'Ausilio

L'edizione odierna del Corriere dello Sport si sofferma sul recordman di gol con la maglia del Napoli, Dries Mertens. Proprio contro l’Empoli iniziò nel 2016 la scalata del belga nell’olimpo del gol.

Mertens, Napoli con il suo recordman

 Dries Mertens (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

"La prima volta in cui Mertens cominciò a intuire che da quel momento sarebbe diventato «Ciro», per entrare nel ruolo fece la cosa più semplice del mondo per uno scugnizzo: seguì l’istinto! E quando, guardando alla sua destra si accorse che Callejon, uno degli amici delle razzie di quel tempo, aveva già arcuato il destro, annusò l’aria, si travestì da centravanti vecchia maniera, rubò l’attimo agli avversari, ne colse l’errore e come un’opportunista si limitò ad assecondare Sarri, che comunque gli aveva chiesto anche altro. Prima di calarsi nella Grande Bellezza, il «capolavoro» di quel 2016, gli servì semplicemente afferrare a piene mani il proprio talento per sbatterlo rumorosamente in faccia alla Storia del Napoli che adesso è diventata anche sua: 141 gol, 103 dei quali raccolti dopo aver imboccato quel bivio".

Con l'Empoli nel 2016 iniziò la scalata da "vero nueve"

"Il 26 ottobre del 2016, per tirarsi fuori da quella malinconia che sembrava ghermisse Napoli dopo che Milik si era infortunato di nuovo e per la seconda volta in dodici mesi, fu sufficiente posare lo sguardo su Mertens, osservarne la sua nuova postura, apprezzarne la leggerezza - da étoile - nel danzare tra le linee e da quelle scappare, l’intelligenza nel lasciarsi tutto alle proprie spalle, persino se stesso, e l’inconsapevolezza persino sua d’essere padrone d’un destino, diverso, meraviglioso e sgargiante. A Napoli-Empoli, ci arrivò con 38 gol in tre anni e due mesi, e per dirla tutta da centravanti aveva debuttato sempre al «San Paolo» - ma sì, s’è chiamato così - contro il Besiktas, in un 3-2 turco fronteggiato con una doppietta, e però al campionato, alla serie A, all’Italia intera si presentò in quella partita diretta da Mariani, che stasera farà da Var: piacere, sono il vostro vero «nueve»".