GdS – De Laurentiis infuriato, ma Gattuso resta al suo posto: Rino ha ancora la fiducia del club

di Domenico D'Ausilio, @dom_dausilio

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport commenta la decisione di Aurelio De Laurentiis di indire il silenzio stampa al termine di Atalanta-Napoli e la decisione sulla panchina di Rino Gattuso. Nel frattempo, dallo spogliatoio napoletano arriva la comunicazione che tutti i tesserati sono in silenzio stampa. Una decisione che coglie un po’ di sorpresa e che arriva nella serata in cui sarebbe stato interessante sentire quali giustificazioni avrebbe ancora trovato il tecnico azzurro per spiegare l’ennesima figuraccia.

CLICCA QUI PER IL COMMENTO DI REPUBBLICA SUL SILENZIO STAMPA

De Laurentiis infuriato, ma Gattuso resta

Gennaro Gattuso (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Con quella di ieri sera, il Napoli ha toccato quota otto sconfitte in campionato, un rendimento incomprensibile e ingiustificato. Aurelio De Laurentiis è andato su tutte le furie, è stato lui a imporre il silenzio stampa. Di certo non ci saranno decisioni clamorose, in queste ore. Rino Gattuso resta al proprio posto, così come era stato deciso la scorsa settimana dal presidente e dai suoi collaboratori. Può ancora contare sulla fiducia del club, l’allenatore, ma la sfiducia dell’ambiente è totale. Il popolo dei social non gli sta risparmiando nulla, dalla marcatura di Mario Rui su Zapata, alla sostituzione di due difensori sull’azione del corner dalla quale è nato il quarto gol. Il momento che vive Gattuso non è il massimo, al di là di quei pochi minuti di reazione all’inizio del secondo tempo, con il pareggio di Zielinski, la squadra è stata svogliata e poco incisiva. E giovedì sera, Il Napoli sarà impegnato nella gara di ritorno con il Granada, per i sedicesimi di Europa League. Ci vorrà una super impresa, anche se adesso più nessuno è pronto a scommettere un solo euro su Gattuso e i suoi.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU INSTAGRAM

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy