De Laurentiis, condizioni stazionarie: deve superare la fase più critica della malattia

De Laurentiis, condizioni stazionarie: deve superare la fase più critica della malattia

Le sue condizioni di salute di De Laurentiis sono considerate stazionarie e vengono monitorate dagli specialisti dell’ospedale romano Gemelli

di Domenico D'Ausilio, @dom_dausilio
De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis non ha ancora risposto alle accuse, comprese quelle contenute nell’esposto del Codacons, avendo per il momento ben altri pensieri per la testa. L’associazione ha chiesto alla Procura di indagare su eventuali comportamenti irresponsabili da parte del presidente del Napoli, spingendosi a ipotizzare il reato di epidemia dolosa.

De Laurentiis, condizioni stazionarie

de laurentiis
Aurelio De Laurentiis

Il presidente del Napoli non è asintomatico e quindi deve preoccuparsi soprattutto di superare la fase più critica della malattia nel migliore dei modi: arrivando al più presto possibile alla guarigione. Le sue condizioni di salute sono considerate stazionarie e vengono monitorate giorno dopo giorno dagli specialisti dell’ospedale romano Gemelli. Nell’attesa che maturino i tempi necessari (secondo i protocolli sanitari) per sottoporre il produttore cinematografico pure al secondo tampone. Nel frattempo De Laurentiis sta comunque seguendo a distanza le trattative di mercato del Napoli. In particolare quelle legate alle cessioni di Milik e Koulibaly. Frequenti i contatti telefonici con l’amministatore delegato Chiavelli e il direttore sportivo Giuntoli. Gattuso ha invece chiamato il presidente soprattutto per sincerarsi delle sue condizioni di salute, come hanno fatto del resto anche alcuni giocatori (arrivati da parte loro al venticinquesimo tampone).

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU INSTAGRAM

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy