Mancini: “Vogliamo vincere l’Europeo l’anno prossimo. Se il campionato riparte, può succedere di tutto”

Mancini: “Vogliamo vincere l’Europeo l’anno prossimo. Se il campionato riparte, può succedere di tutto”

di Mattia Fele
Mancini

Roberto Mancini, allenatore della squadra nazionale di calcio italiana, ha parlato a Sportmediaset. Focus del suo intervento, il possibile cammino dell’Italia ai campionati europei 2021. Mancini si è anche soffermato sulla ripresa del campionato di Serie A. 

Le parole di Mancini

Siamo nel 2020 e dovevamo essere più pronti. È stata una cosa terribile per molte famiglie che hanno perso i propri cari. Ormai sono passati molti giorni e non la stiamo vivendo bene. Spero tutto ritorni come prima, ho sentito qualche ragazzo, stanno tutti bene e spero si possa tornare a giocare al più presto. Spero che si inizi perché il calcio è anche una cosa sociale molto importante, poi vedremo quello che accadrà. E spero che questa cosa terribile finisca presto perché non credo che non si possa fare. Ci vorrà un po’ più attenzione ma noi ci meritiamo di tornare a vivere come prima: è stato tutto ingiusto quello che è accaduto.”

Sulla Nazionale

“Riavvicinare i tifosi alla Nazionale di calcio è importante. Soprattutto perché il periodo che stavamo vivendo sportivamente era difficile. Abbiamo raggiunto questa vicinanza attraverso delle ottime prestazioni. Merito dei ragazzi che hanno capito di non doversi sottovalutare. Dovevamo dal principio credere in noi stessi. Dopo un anno le altre Nazionali saranno più forti, ma lo saremo anche noi: il bagaglio di ognuno sia tecnico che atletico si implementerà. 

L’Europeo sarà una tappa importante per tutti. Siamo riusciti a creare una squadra forte che potrà migliorare e che potrà giocare per vincere. Riportare l’Europeo in Italia dopo tanti anni, visto che l’ultimo è stato vinto nel 1968, sarebbe una cosa magnifica che vogliamo fare. Abbiamo le qualità per farlo.”

E sullo Scudetto

“Se il campionato ripartisse ne vedremmo di tutti i colori, tutto potrebbe accadere perché è una situazione inedita. E’ uno stravolgimento mai visto. Difficile fare previsioni, la Juve per ora è in testa e resta sempre quella da battere, ma l’Inter e l’Atalanta possono tornare e c’è la Lazio.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy