Coronavirus, De Luca: “Senza Regioni Italia crollata. Se sarà necessario, limiterò l’arrivo di treni dal Nord!”

Vincenzo De Luca, governatore della Regione Campania, al Corriere della Sera ha rilasciato un’intervista in merito alla situazione della diffusione del coronavirus: “Secondo me fa bene l’Italia. La mia convinzione è che questo sia l’unico campo nel quale non si possa sbagliare. Non possiamo dire “partiamo, vediamo e poi magari correggiamo per strada”. Se prendessimo decisioni che dopo due settimane alimentano un contagio generalizzato sarebbe una tragedia, dovremmo chiudere di nuovo tutto. Ma, dopo un mese e mezzo di quarantena, un’altra stagione come questa il Paese non la reggerebbe. Dunque non possiamo sbagliare”.

De Luca coronavirus

De Luca sulle critiche

Il vizio delle banalizzazioni caricaturali e l’abitudine di parlare senza sapere, è dura a morire. Salverò i miei polmoni dal virus — a Dio piacendo — ma non il mio fegato dagli imbecilli. Partiamo dai fatti. Noi abbiamo una situazione di questo tipo: nel Sud nel complesso si è contenuto il contagio; in alcune regioni del Nord ancora oggi si registrano da 400 a 1.000 contagi in più. È evidente, allora, che non si può dire che il problema è alle nostre spalle nonostante alcune tendenze positive. Senza il ruolo delle Regioni l’Italia sarebbe crollata”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

Le polemiche con la Lombardia

“Mai polemizzato con la Lombardia. Da sempre abbiamo una linea di solidarietà nazionale e di rifiuto di contrapposizioni Nord-Sud. Sta di fatto che noi abbiamo subìto un rientro disordinato e massiccio di persone del Nord e abbiamo fatto una fatica terribile a contenere l’espansione del contagio. Tutti i focolai che abbiamo avuto in Campania hanno origine dal Nord. Allora credo che sia ragionevole evitare che ci sia un rompete le righe e questa è la sensazione che si è avuta rispetto ad alcune regioni del Nord. Perciò io credo che dobbiamo chiedere al governo nazionale se non l’obbligo di domicilio nel comune di residenza almeno l’obbligo di permanenza nelle regioni di appartenenza per un periodo. Sennò vorrà dire che dovremo limitare il numero di treni che arrivano dal Nord, prendere la temperatura corporea, fare controlli alle stazioni e obbligare alla quarantena chi viene dal Settentrione senza motivo.”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. JuianoKrollMaradona - 7 mesi fa

    LIMITERO’I TRENI DAL NORD, CON PERSONE DAL NORD,
    MA CHE SONO DEL SUD….SUD… SUD…E NON DOVREBBERO MUOVERSI…..
    SPECIFICA….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy