Callejon e Napoli, una lunga storia d’amore

I bambini sono i più curiosi al mondo. Si mettono lì di fronte a te e chiedono. Una delle domande più difficili è quella sull’amore. “Cos’è l’amore”? Prima rispondere era troppo difficile adesso, invece, si può raccontare di Callejon e del Napoli.

Callejon, l’addio al Napoli

Callejon addio Napoli
Callejon (Getty Images)

Sette anni di amore, di passione, di dedizione e di rispetto. Così si può sintetizzare il percorso di Callejon al Napoli. Chi lo avrebbe mai detto, quando è arrivato, che si sarebbe conquistato quella fascia destra ed il rispetto di una tifoseria intera. Lo sapeva, ne era certo sicuramente Rafa Benitez, che lo ha fortemente voluto, ma i tifosi forse ancora non sapevamo che si sarebbero innamorati di lui. Non sapevano che si sarebbero innamorati delle sue giocate, del suo taglio in aria di rigore che Insigne adesso farà fatica a dimenticare. Come lo faremo anche noi. Ma José non ci ha conquistati solo in campo, lo ha fatto anche fuori. Quando ha difeso la maglia, quando con le parole ha fatto il capitano, quando ha scelto il silenzio nelle situazioni complicate. Mai una protesta, mai una parola di troppo perché uno come lui conosce solo la frase “lavorare in silenzio”. Quello stesso modo in cui se ne è andato. In campo, lavorando, nel silenzio di un San Paolo vuoto. Questa è forse la sola nota stonata perché lui il pubblico se lo meritava, si meritava gli applausi, si meritava gli omaggi dei tifosi. Ma di una cosa Callejon può essere certo. A casa tutti hanno pianto o si sono almeno emozionati vedendolo uscire dal campo.

Callejon, l’addio

Lo ha salutato Mertens, poi Edoardo De Laurentiis ed anche Insigne. L’epilogo sembra essere ormai scontato. Manca solo l’ufficialità e poi sarà un addio. Non definitivo perché chi come lui lascia il segno, non va mai davvero via. Non indosserà questa maglia ma la porterà nel cuore. Come i tifosi non si dimenticheranno mai di lui. Perché questo è quello che succede nelle grandi storie d’amore. Ed adesso sapere cosa rispondere a quel bambino.

CLICCA QUI PER VIDEO E FOTO ESCLUSIVE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

di Maria Ferriero

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy