Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Vinicio: “Ho detto a Spalletti di crederci, bisogna migliorare in un aspetto”

Luciano Spalletti (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Luis Vinicio, ex calciatore del Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo

Francesco Melluccio

Luis Vinicio, ex calciatore del Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo nel corso di Punto Nuovo Sport Show. Il brasiliano ha parlato della festa per i suoi 90 anni con i calciatori azzurri, nella quale ha anche scambiato due parole con Spalletti, riguardo la possibilità di vincere lo Scudetto.

Le parole di Luis Vinicio sui 90 anni, lo Scudetto e Luciano Spalletti

Di seguito le parole di Luis Vinicio, ex calciatore del Napoli, ai microfoni di Radio Punto Nuovo.

"Quella per i miei 90 anni è stata una giornata bellissima, speciale. Ho ringraziato i giocatori del Napoli per avermi dato la possibilità di stare vicino a loro. Li ho incitati al massimo per vincere questo campionato. Io sono qui da tanto e ci resterò per sempre, essere napoletano è bellissimo".

Il sogno Scudetto

"Ho detto a Spalletti di crederci. Tante volte vedo che la squadra fa un bellissimo primo tempo e poi il secondo così e così. Bisogna arrivare fino in fondo nella migliore maniera possibile. L'occasione del campionato è da non perdere. In questi 90 anni ho vissuto una vita solare, ho costruito una famiglia e non desidero più nulla, ho avuto tutto. Dal primo giorno in cui sono stato con la squadra cercavo di fare la preparazione, tutto, da solo. Ma vedevo che non c’era partecipazione come avrei voluto e questo mi faceva arrabbiare. Volevo che facessero tutto ciò che chiedevo nella preparazione atletica. Erano un po’ rilassati. Quindi gli dissi ‘O cambiate o domani mattina vado via’. Alla fine sono cambiati e abbiamo ottenuto risultati con campionati stupendi".

Maradona o Pelè?

"Nel senso napoletano sicuramente, Pelè è il brasiliano più grande di tutti. Inutili i paragoni, entrambi facevano sognare la gente".