Gattuso: “Mi assumo le responsabilità di questa sconfitta. Il veleno? Non si compra al supermercato! Sul rientro di Osimhen…”

di Francesco Melluccio

Brutta sconfitta per il Napoli a Verona, un 3-1 pesante che piega il possibile recupero in classifica per gli azzurri. Ai microfoni di Sky Sport Gennaro Gattuso ha cercato di spiegare i motivi di questa pesante sconfitta, che coincide con il ritorno in campo di Victor Osimhen, entrato al posto di Petagna, uno dei migliori nei primi 60 minuti di gioco. Il nigeriano non ha inciso ma bisogna considerare anche i 3 mesi di inattività: manca la condizione fisica.

LE PAROLE DI GENNARO GATTUSO

Di seguito le parole di Gennaro Gattuso, ai microfoni di Sky Sport.

Le responsabilità della sconfitta sono mie, devo prendermi la responsabilità di questa brutta prestazione. Mi dispiace per com’è andata la partita. Il piano gara preparato era abbastanza chiaro, poi in campo non si è visto nulla. Nel primo tempo abbiamo giocato sempre in verticale, mettendo in difficoltà il Verona, creando diverse palle gol che dovevamo finalizzare

Il vero punto di questa sconfitta è stato l’ingresso in campo nel secondo tempo. Potevamo andare in verticale come nel primo e non ci siamo mai andati, abbiamo perso palla in uscita e abbiamo subito i gol. Il calcio del Verona vive di contatto fisico e noi li abbiamo messi in comfort zone. Ora dobbiamo guardare avanti e pulirci un po’ la testa.

Adesso bisogna stare lucidi con la testa, nonostante il rammarico. Siamo contenti del rientro di Osimhen e Mertens, non stanno benissimo ma è normale perché sono fermi da tanto tempo. Oggi non abbiamo mai palleggiato, solo qualche tentativo durato pochi minuti. Veleno? Non si compra al supermercato a 10 euro. Sono le seconde palle, è come vai a saltare con gli avversari. Non si mette facilmente nei giocatori nominandola e basta. Ma oggi credo sia stata una questione d’interpretazione della partita.

Regaliamo tantissimo, è un dato di fatto. Il Verona ha fatto 5 tiri 3 gol, noi 7 tiri ed una sola rete. Le ambizioni non sono solo le mie, sono della squadra, della società, vogliamo tornare in Champions League ma con queste prestazioni non andremo da nessuna parte. Dobbiamo limare tutti i difetti che stiamo vedendo in queste partite, lavoreremo per tornare in alto alla classifica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy