Tesser: “Ancelotti? Mi aspetto che confermi il lavoro di Sarri. Su Roberto Insigne e Tutino…”

Tesser: “Ancelotti? Mi aspetto che confermi il lavoro di Sarri. Su Roberto Insigne e Tutino…”

Il tecnico Attilio Tesser ha parlato di Ancelotti e non solo ai microfoni de Il Roma

di Redazione

Attilio Tesser ha parlato ai microfoni de Il Roma. Ecco le sue dichiarazioni:

Su ciò che si aspetta da Ancelotti: “Innanzitutto che confermi il bel lavoro fatto da Sarri, ovviamente con un altro sistema di gioco e con un’altra mentalità. Se arriverà il definitivo salto di qualità sarò contento per entrambi: per il Napoli e per Ancelotti, tecnico che stimo tanto. Parliamo di un vincente, di un allenatore navigato che ha fatto bene in tutte le società dove ha allenato”.

Su Insigne Jr.: “Alla sua età non sei più considerato un “giovane” e dunque sì, è arrivato il momento. Roberto è cresciuto molto, l’ho affrontato due volte quest’anno, abbiamo avuto anche la possibilità di scambiare qualche battuta. Ha giocato con continuità in una squadra importante, ha messo in mostra tutte le sue doti, che sono tante”.

Sulle differenze con Lorenzo: “Oltre al piede, essendo mancino, direi di no. In proporzione, le qualità e le carattetistiche sono le stesse: entrambi hanno grande tecnica, fantasia, visione di gioco, la giocata nel proprio dna. Roberto deve avvicinarsi al fratello, che oggi è di un altro livello. Ha tutte le doti per riuscirci”.

Su Tutino: “Sì, anche se non riuscì ad avere spazio. Ci siamo ritrovati lo scorso anno, in Lega Pro: lui era alla Carrarese e io alla Cremonese. Ci siamo parlati, ho incontrato una persona diversa, e in questo periodo siamo rimasti in contatto, scambiandoci messaggi molto belli, specialmente ora che è stato promosso in Serie B con il Cosenza. Recentemente ha ammesso lui stesso di aver vissuto, ad Avellino, un momento non facile, ma per fortuna s’è ripreso e sono felice. Il suo traguardo appena conquistato mi ha riempito di gioia. Tutino sta dimostrando tutte le sue qualità, le stesse che aveva messo in mostra nella Primavera del Napoli”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy