Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Spalletti in conferenza: “Su Rrahmani c’era fallo, ora reagire da squadra forte”

Spalletti in conferenza: “Su Rrahmani c’era fallo, ora reagire da squadra forte”

Luciano Spalletti ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa, commentando il pareggio del Napoli contro il Sassuolo in campionato

Domenico D'Ausilio

Luciano Spalletti, tecnico del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa, commentando il pareggio degli azzurri contro il Sassuolo in campionato.

Spalletti in conferenza

"Il pareggio deriva da tante cose, probabilmente in quel momento lì dove loro hanno cominciato a pressare e noi perso qualche pallone di troppo invece di gestirlo. È una cosa determinata da quel momento in cui avevamo sentito di più la fatica. O dove ormai si pensava che il 2-0 non potesse essere rimontato. Non siamo riusciti a gestire bene la gara, dopo le sostituzioni non siamo riusciti ad alleggerire la pressione e loro ci hanno creato delle difficoltà.

Sugli infortuni

Fabian Ruiz lo stavo cambiando, poi diceva altri due minuti ed alla fine ha sentito un problema all'adduttore. Uguale Koulibaly, che ha sentito un problema muscolare e l'abbiamo cambiato. Sono cose che possono succedere, c'è dispiacere perché la gara l'avevamo condotta bene e fatto dei gol meritati. Ora c'è un po' di amarezza, ma la valutazione della gara è positiva. Non so se avrà ripercussioni nel campionato. Questa è una gara che abbiamo gestito in questo modo qui, domani valuteremo quelli che sono i problemi. C'è dispiacere, ma la squadra è forte e deve reagire. Deve fare la squadra forte nelle intenzioni e nei comportamenti. Non tiro su nulla. Si fanno delle valutazioni e basta, i giocatori sanno come reagire. Si allenano le gambe e si allena la testa".

Sulla sua espulsione

"Ho protestato sul fallo che non ha dato su Rrahmani. Da lì è nato il 2-2. Noi chiediamo ai nostri di non andare a protestare, ma altri non fanno così. Mi sa che non paga molto questa cosa di non andare a protestare".