Condò: “Il gol di Demme, segno del destino. Insigne il migliore in campo. Cori insopportabili”

Condò: “Il gol di Demme, segno del destino. Insigne il migliore in campo. Cori insopportabili”

Il giornalista Paolo Condò ha parlato del match Sampdoria Napoli ai microfoni di Sky Sport

di Maria Ferriero, @m_ferriero
Condò ha analizzato Sampdoria Napoli

Al termine della vittoria del contro la Sampdoria, focus sulla prova dei partenopei dallo studio di Sky Sport. Gli uomini di Gattuso si sono imposti con il risultato di 4-2 grazie ai gol di Milik, Elmas, Demme e Mertens, nei minuti finali. I gol partenopei sono stati intervallati dalle reti dei due ex Quagliarella e Gabbiadini su rigore. Numerosi i temi trattatati dal giornalista Paolo Condò, presente in studio, che ha analizzato la prova dei singoli, la prova corale ma anche quelli che sono gli obiettivi futuri. Di seguito quanto evidenziato da CalcioNapoli1926.it.

Le parole di Condò 

Demme? E’ uno che non segna mai. Questo gol sembra un segno del destino. Fino al gol di Quagliarella c’era una sola squadra in campo con il Napoli in controllo. Il gol poi cambia la partita ed il Napoli si allunga, soffre il contropiede. Dopo il 2-2, i partenopei non perde la testa e si riappropria della partita. Il Napoli adesso è padrone del proprio destino visto il calendario. Fai 18 punti in queste partite ed avresti un panorama completamente diverso. Queste possono essere il trampolino di lancio per il Napoli che ha iniziato la sua stagione adesso. Cori? Insopportabili. Insigne? Il migliore del Napoli anche per il modo in cui parlava ai tifosi. Attacco? Forse ci sono troppi attaccanti. Lozano è sparito dai radar, lo stesso Llorente. Elmas? Mi ha fatto piacere. E’ arrivato bene, poi è finito nel disastro fino al gol. Il futuro può essere suo”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy