Non solo Rrahmani: quando il retropassaggio è… horror! Da Romito ad Aronica, gli strafalcioni azzurri più ‘sanguinosi’ | VIDEO

di Giovanni Ibello

Non ci giriamo troppo intorno. Al Friuli il Napoli l’ha scampata bella e per come s’era messa la gara è un caso che la squadra abbia conquistato l’intera posta in palio (anche se ha affrontato un avversario tutto sommato modesto). Non è la prima volta che in casa azzurra un retropassaggio “horror”  – ma questo, beninteso, è un eufemismo – getta tutto alle ortiche. Rrahmani ha sbagliato di grosso, e forse non è il caso di infierire. Cerchiamo solo di ricostruire l’episodio per meglio valutare la (non) giocata del kosovaro: Amir, forse, non ha calcolato la distanza tra sé e il portiere, ma non solo: non ha considerato che il centravanti dell’Udinese, Kevin Lasagna è insieme all’azzurro Manolas il giocatore più veloce di tutta la massima serie. Insomma, l’ex Carpi non era proprio l’avversario giusto per concedersi certe licenze…

Salvatore Aronica ha vestito la maglia del Napoli dal 2008 al 2012

Torniamo al passato. Non tutti ricordano che il Napoli ha già pagato dazio a causa di “quel maledetto retropassaggio”. Nell’era De Laurentiis è successo due volte. La prima è in Serie C quando il centrale Romito beffò Iezzo al Menti di Castellammare. Era il 19 febbraio del 2006. Lo stadio era una bolgia e i due azzurri evidentemente non riuscirono a comunicare come avrebbero dovuto. In quella circostanza la partita terminò con un clamoroso 3-1 per i padroni di casa; un pomeriggio davvero indimenticabile per le Vespe. E come dire il contrario; lo Stabia che batte il Napoli è la riproposizione in salsa calcistica del celeberrimo aneddoto di Davide contro Golia.  Ma non è tutto. Il 4 novembre del 2012, il Napoli di Mazzarri si fa riacciuffare dal Torino allo scadere a causa di uno strafalcione di Sasà Aronica. Gli azzurri stavano portando a casa il match grazie a un gol del solito Cavani. Poi, all’improvviso, il buio. Aronica lancia Sansone verso la sua stessa porta! Per l’attaccante granata depositare in gol è un gioco da ragazzi.

Riproduzione consentita previa citazione della fonte (e con collegamento ipertestuale)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy