Osimhen racconta: “Non sapevo niente della festa, una sorpresa durata 10 minuti. Chiedo scusa a tutti”

di Sabrina Uccello

Il portale Omasports dell’amico-giornalista di Victor Osimhen, Oma Akatugba, ha riportato delle dichiarazioni del calciatore nigeriano in merito alla festa di compleanno in Nigeria che ha generato polemica. Al rientro in Italia, infatti, il centravanti del Napoli è risultato positivo al coronavirus.

Preme precisare che l’intervista è stata cancellata dal portale poco dopo averla pubblicata, per motivi non ancora specificati. Tuttavia, le parole di Osimhen erano state: “Prima di andare in Nigeria, avevo detto a mia sorella che non avrei festeggiato il mio compleanno. Non ero nel giusto stato d’animo a causa del mio infortunio. In quel giorno, dormivo da circa sei ore. Subito dopo essermi svegliato, mia sorella mi ha chiesto di scendere le scale. Se date un’occhiata a quello che avevo addosso, ero con la maglia da allenamento. Non l’avrei indossata per il mio compleanno. Non mi vestirei così. Potevo festeggiare il mio compleanno anche in altri modi, ma non ero di buon umore. Sono sceso di sotto e stavano suonando musica, musica gospel. Non ho passato fino a 10 minuti prima che mio fratello maggiore mi richiamasse al piano di sopra. Non ho organizzato una festa. Dopo essere stato dichiarato positivo per COVID-19, ho chiamato la mia famiglia e ho chiesto loro di fare il test. Lo hanno fatto tutti e sono risultati negativi. Mi sono scusato con i tifosi e i miei compagni di squadra e sto bene. Sto solo rivendicando la mia innocenza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy