Napoli, ora o mai più: è davvero finito il tempo di essere pecora. Fatti lupo!

di Gerardo Di Lorenzo

In questi giorni si è parlato tanto di cosa sarà di Gattuso e troppo poco della sua squadra, come se fosse un Gattuso contro tutti, o tutti con Gattuso, dimenticando che in campo scendono i calciatori. Siamo al toto allenatore; già qualche nome ha la valigia pronta per venire a Napoli, mentre altri hanno cortesemente rifiutato. Abbiamo letto dichiarazioni e opinioni disarmanti e destabilizzanti per l’ambiente, tutte in contrasto tra loro.

Stiamo assistendo a continui squilli da parte di alcuni media circa una potenziale frattura tra De Laurentiis e Giuntoli, tra De Laurentiis e Gattuso, tra lo spogliatoio e Gattuso, come se tutti quelli che scrivono sui giornali, fossero a stretto contatto con i nomi azzurri, conoscendone anche il più intimo pensiero. Forse un pizzico di verità da qualche parte ci sarà, ma l’unica cosa certa è che, al di là dell’effettiva veridicità, si tratta di affermazioni che fanno estremamente male all’ambiente, a cominciare dai calciatori. Insomma, una piazza che ancora una volta si rivede sotto i riflettori.

Il Napoli è in crisi, quale sarà il futuro di tecnico e diesse?

IL PROFILO DI CRISTIANO GIUNTOLI

Diventa davvero difficile comprendere chi sta con chi e chi contro chi, mentre da qui a poco il Napoli scenderà in campo contro uno Spezia carico del risultato ottenuto proprio allo stadio Diego Armando Maradona, in undici contro dieci. Ma sembra oramai che questo sia un semplice ed insignificante dettaglio. Il morale è l’uomo in più in campo, soprattutto quando gli spalti sono vuoti e la bilancia (del morale) in questo momento pende tutto dal lato degli spezzini.

Azzurri in ritiro alla ricerca della concentrazione; sembra un dèjà-vu, un libro già letto, un film già visto non molto tempo fa, dal finale che vorremmo cancellare. L’auspicio è che questa volta possa servire a ritrovarsi, a chiarire eventuali divergenze. In realtà è recente il pranzo voluto dal mister con tutti i suoi calciatori, per trovare unione, sinergie, energia, senza però sortire gli effetti benefici auspicati.

Il tifo azzurro è alla mercé degli eventi e dei giornali, mentre continua ad augurarsi una riscossa immediata

Napoli Torino, Curva B

L’assurdità è che in questa confusione, il tifo azzurro è alla mercé degli eventi, come se fosse sopra una nave alla deriva e non può che sperare, scevro di fiducia. Eppure basterà gonfiare quella rete stasera per lasciarsi tutte le chiacchiere alle spalle; basterà ricordarsi di essere il Napoli, basterà non arrendersi alla prima difficoltà, basterà alzare lo sguardo, vedere l’orizzonte e rendersi conto che si può arrivare lontano. Ancora si può. Coraggio Napoli, torna grande da stasera!

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy