Napoli Femminile, il Milan non lascia scampo: sconfitta netta per 4-0

di Giovanni Montuori
Pistolesi

Milan: (3-5-2). Korenciova; Vitale, Agard, Fusetti; Bergamaschi, Jane (dal 30’ s.t. Rask), Boquete, Hasegawa (dal 30’ s.t. Grimshaw), Tucceri; Dowie, Giacinti (Piazza, Kulis, Morfeo, Spinelli, Salvatori, Tamborini, Mauri). All.: Ganz

Napoli Femminile (3-5-2) Tasselli; Huyhn (dal 15’ s.t. Oliverio), Di Marino, Arnadottir; Cafferata (dal 22’ s.t. Capparelli), Errico (dal 1’ s.t. Pedersen), Huchet (dal 15’ s.t. Rijsdijk), Goldoni, Hjohlman; Nocchi, Popadinova (dal 1’ s.t. Cameron) (Boaglio, Nencioni, Fusini, Kubassova). All.: Pistolesi

Arbitro: Delrio di Reggio Emilia (Melchiorre-Trasciatti).

Amm.: Huynh, Di Marino (N)

Note: porte chiuse al Vismara. Rec.: 0’ p.t., 3’ s.t.

Il Napoli Femminile cade col Milan

Napoli Femminile

Troppo forte il Milan per il Napoli Femminile, che dopo tre risultati utili consecutivi incappa in una sconfitta pesante contro la seconda forza del campionato. Partita già chiusa all’intervallo per via della differenza di valori in campo.

Mister Pistolesi ha scelto di confermare il 3-5-2 che era stato prezioso alleato nella rimonta sull’Empoli. Dentro dunque capitan Di Marino dal via con Cafferata e Hjohlman stantuffi esterni. Davanti la rientrante Popadinova affiancava Nocchi. Novanta secondi e clamoroso palo colpito da Huchet su azione d’angolo: mezza rovesciata volante della francese e palla sul “legno”. Replica Milan con un mancino dell’ex Giacinti da dentro l’area deviato in angolo da Huynh. Al 22’ vantaggio Milan con Bergamaschi, brava ad approfittare di una respinta corta di Tasselli su ottimo cross mancino di Tucceri. Uno-due terribile quello delle padrone di casa che al 24’ raddoppiavano con Hasegawa che di testa traduceva in rete una deviazione di Tasselli su iniziativa di Bouquete che aveva cercato in area Dowie. Proprio Dowie al 37’ appoggiava tra le braccia di Tasselli da non più di cinque metri un assist di Bergamaschi da destra. Il tris lo ha calato Dowie al 43’, dopo una palla persa da Huchet ed un miracolo di Tasselli su Giacinti.

Pistolesi ha provato con il 4-4-2 nella ripresa ma Giacinti ha subito incartato il poker su assist di Vitale: mezza girata all’angolino potente e precisa. Da quel momento, solo accademia o quasi per una match che non aveva più nulla di significativo da raccontare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy