Milik, l’intermediario: “Il Newcastle non va oltre i 20 milioni, ingaggio da dimezzare”

di Redazione
Milik Juventus

Vincenzo Morabito, agente FIFA e intermediario nell’affare Milik-Newcastle, è intervenuto ai microfoni di Radio Crc esprimendo le proprie considerazioni sulla trattativa saltata con la Roma e non solo. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“Il mancato passaggio di Milik alla Roma è un fallimento. Stesso discorso per Dzeko, che così non potrà andare alla Juventus. Arek chiede un ingaggio di 5-6 milioni di euro all’anno, ma non sono cifre per questo mercato. La settimana scorsa ho presentato al Napoli un’offerta del Newcastle per Milik, valutato dagli inglesi 20 milioni di euro. Il Napoli ne ha chiesti 35. Erano troppi per un calciatore in scadenza e che in questo momento può ambire al massimo a un ingaggio di 3 milioni di euro”.

Milik, l’intermediario: “La Roma si è accorta di spendere troppo”

milik

“Molto probabilmente la Roma si è accorta che stava spendendo troppo per un giocatore in scadenza di contratto, Milik si trova in una situazione precaria. Potrebbe avere ancora mercato, ma non alle cifre che chiede il Napoli per il cartellino e che chiede l’attaccante come stipendio. La Juventus si è stizzita dalla lite tra Roma e Napoli per l’eventuale passaggio di Milik in giallorosso. Lo so perché stavo portando avanti con loro un discorso relativo a Giroud. In poche ore la Juve ha chiuso per Morata e ha creato un grosso danno alla Roma e al Napoli. Adesso i giallorossi si ritrovano in casa Dzeko scontento, mentre il Napoli ha perso la possibilità di incassare una cifra considerevole dalla cessione di un calciatore in scadenza di contratto”.

Il futuro di Koulibaly e il plauso a De Laurentiis

Koulibaly rischia di restare a Napoli, perché al momento nessuno è disposto a pagare la cifra richiesta da De Laurentiis per la cessione del senegalese. Per Gattuso, un allenatore serio e pragmatico, potrebbe essere una bella notizia. Credo che con la conferma di Koulibaly il Napoli possa lottare per lo scudetto”.


“Adesso il calcio è cambiato perché non ci sono più i dirigenti di una volta. Anzi, spesso vedo che si riempie di intrallazzatori. De Laurentiis, invece, è un imprenditore vero. La sua politica permetterà al Napoli di superare brillantemente i disastri economici del Covid.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy