Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Marsiglia, Milik ritrova Sarri: “Un peccato non aver vinto nulla con lui”

Arkadiusz Milik (Photo by Handout/UEFA via Getty Images)

Si prospetta una grande sfida domani sera tra Arkadiusz Milik e Maurizio Sarri

Francesco Melluccio

Si prospetta una grande sfida domani sera, all'Olimpico, tra due ex napoletani: ArkadiuszMilik e MaurizioSarri. Il polacco è appena rientrato dall'infortunio ma ha subito timbrato il cartellino, il tecnico biancoceleste invece arriva dalla grande vittoria (piena di polemiche) con l'Inter. Lazio-Marsiglia sarà di certo un punto di svolta per quello che è senza dubbio il girone di ferro di questa competizione, forse a pari merito con quello del Napoli.

Milik ripensa a Napoli e alla mancata vittoria con Sarri: "Che peccato"

(Getty Images)

Di seguito le parole di ArekMilik, attaccante del Marsiglia, in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Lazio, guidata dal suo ex allenatore al Napoli MaurizioSarri.

"Sono stato qualche mese fuori, ma da settembre mi sto allenando con la squadra. Ho giocato tre partite e mi sento bene fisicamente. Non sono pronto per giocare 8 partite di fila, ma il ginocchio è a posto, questo è l'importante. Sono contento del gol vittoria contro il Lorient ma dobbiamo lavorare perché domani c'è una partita importante e vogliamo fare bene.

La sfida con Sarri? Siamo stati due anni insieme a Napoli. Abbiamo un buon rapporto, ho tanto rispetto per lui, è un grande allenatore. Peccato non aver vinto niente. Dopo lui lo ha fatto al Chelsea e alla Juventus, è forte e ha idee molto chiare sul calcio che vuole giocare. Posso dire solo cose positive. Pensiamo solo alla Lazio, non voglio sentire parlare del PSG. Il gruppo sta bene, per noi deve contare solo la gara di domani.

Olimpico vuoto? Con i nostri tifosi abbiamo sempre lo stadio pieno. Non posso dire niente sugli altri. Sono contento dei tifosi del Marsiglia perché ogni partita ci sono sempre vicini e questa è la cosa più importante per un giocatore. Domani non ci sarà lo stadio pieno ma sono cose che non dipendono da noi".