Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Marchetti: “Bisogna esser bravi a rivoluzionare, uno come Fabian potrebbe finanziare”

(Getty Images)

Luca Marchetti, giornalista, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live”. L’esperto di mercato, oltre a focalizzarsi sulla prossima sfida del Napoli a Bergamo contro...

Francesco Melluccio

Luca Marchetti, giornalista, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte nel corso della trasmissione "Marte Sport Live". L'esperto di mercato, oltre a focalizzarsi sulla prossima sfida del Napolia Bergamo contro l'Atalanta, ha anche parlato della possibile rivoluzione in estate, con tanti senatori che lasciano. Prima Insigne, poi Mertens e forse anche Fabian: puntare sui giovani potrebbe essere la chiave per la società.

Le parole di Luca Marchetti sul rinnovo di Fabian e il possibile addio

 (Getty Images)

Di seguito le parole di Luca Marchetti, giornalista, a Radio Marte.

"Il Napoli va a Bergamo con la necessità di vincere, da adesso in poi ogni partita è determinante: il problema è che potrebbe esserlo in negativo. Se gli azzurri perdessero o pareggiassero il Milan potrebbe scappare via. Anche l'Inter ha un impegno difficile, di fatto sono entrambe costrette a vincere. Olivera? Oggi dire che un giocatore è vicino, se non c'è firma o non sta permetterla, non si può fare. Sicuramente il Napoli visiona alcuni profili".

Il rinnovo di Fabian e la possibile rivoluzione

"Il contratto di Fabian è il grande nodo. Bisogna capire se il Napoli ci punta o no, se per caso ci sono altre squadre. Credo che l'unico che possa sciogliere questo tipo di problematiche sia Giuntoli. Dipenderà molto dal progetto, se ripartire o meno. A volte prendere giovani molto bravi e lasciar andare i senatori può essere un cambio di programma. Ma dipende dalla posizione in classifica, se si vince il campionato o meno. La Juventus nell'arco dei 9 Scudetti ha cambiato almeno 3 volte ciclo e ha continuato a vincere: bisogna esser bravi nel rivoluzionare".