Malfitano: “Al Napoli mancano personalità forti come Albiol e Reina”

di Sara Ghezzi

Il giornalista della Gazzetta dello sport, Mimmo Malfitano è intervenuto ai microfoni di Radio Marte, nel corso della trasmissione “Marte Sport Napoli”, commentando il momento del Napoli, e la mancanza di un giocatore dalla personalità forte, come nel periodo di Sarri lo erano Raul Albiol e Pepe Reina. Parlando anche di un possibile cambio in panchina.

“Llorente- Elmas? La palla la devi mangiare”

CROTONE, ITALY – DECEMBER 06: Head coach of Napoli Gennaro Gattuso looks on during the Serie A match between FC Crotone and SSC Napoli at Stadio Comunale Ezio Scida on December 06, 2020 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU FACEBOOK

 Di seguito le parole di Malifitano a Radio Marte:

“Noi parliamo tanto di Sarrismo, quegli anni qualcosa hanno dato tranne i trofei. Sul piano del gioco e dello spettacolo il Napoli è stato vivace e travolgente. Il Napoli di Gattuso non è quello di Sarri. Manca di personalità forti come lo erano Reina e Albiol, mai sostituite. Soprattutto, il Napoli è una squadra con poca forza. Ha qualità negli ultimi 20 metri ma non ha fisicità e questo è un handicap. Osimhen potrebbe garantirla ma non è un centravanti d’area di rigore, è stato comprato per attaccare la profondità. Non è stato preso un Morata, un Ibrahimovic o un Lukaku, o anche un Giroud. Perché il Napoli deve comprare tanti comprimari invece che prenderne due da 70 milioni l’uno? Anche perché si spende comunque tanto. Questo lo diciamo da anni. Sfortuna? Se tiri e colpisci 3 pali. Ma se non inquadri la porta o tentenni significa non avere carattere. La palla di Llorente o Elmas con un Morata o un Lukaku la porta si sarebbe spaccata. Manca proprio la cattiveria, un attaccante la palla la deve mangiare. Juric a fine stagione? Non credo proprio, Gattuso è avviato al rinnovo”.

CLICCA QUI PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy