Benevento, Maggio: “Vi racconto come seppi dell’interesse del Napoli, Chelsea e Dnipro grandi rimpianti”

Benevento, Maggio: “Vi racconto come seppi dell’interesse del Napoli, Chelsea e Dnipro grandi rimpianti”

di Armando Inneguale, @ArmInne28
Maggio, gli auguri del Napoli

Christian Maggio, difensore del Benevento ed ex Napoli, ha rilasciato una lunga intervista a Sky Sport. Nel ripercorrere la sua carriera, il terzino ha parlato anche del suo percorso in azzurro. Di seguito quanto riportato da gianlucadimarzio.com.

LE PAROLE DI MAGGIO

“Avevo la pubalgia ed ero finito in carrozzina addirittura, poi per fortuna è passato tutto insieme. Per colpa dell’infortunio non ho superato il periodo di prova a Parma e per questo sono finito alla Fiorentina perché mi ha voluto Cavasin in Serie B. Sono riuscito a giocare senza infortunarmi e siamo finiti in Serie A. Napoli? Dieci anni non si dimenticano, sono arrivati anche tre titoli e sono arrivato grazie al Napoli in Nazionale fino ai Mondiali. Ora però penso solo al Benevento e a portarlo in Serie A. Arrivo a Napoli? Ero a una festa e mio fratello mi chiese se andavo a Napoli perché l’aveva letto su un giornale. Me ne sono reso conto così, ero spiazzato perché non ne sapevo niente. È una città sempre viva, a Genova alle sette di sera sono tutti a casa, non è un caso che sono rimasto 10 anni e poi sono tornato a Benevento. on il Chelsea all’andata Cole mi ha negato un gol sulla linea, ma il vero rimpianto è al ritorno. Rimane un’esperienza fantastica, il Chelsea è arrivato addirittura a vincere la Champions, noi potevamo fare bene. Eravamo una squadra internazionale anche nel 2015: con il Dnipro stavamo compiendo un miracolo arrivando in finale, all’andata ci ha compromesso tutto un gol loro in netto fuorigioco e al ritorno non è andata come doveva andare. Sarri è un allenatore maniacale che non lasciava niente al caso, sono cresciuto tanto dal punto di vista tattico e anche se non abbiamo ottenuto nulla a livello di trofei ha fatto molto bene. Sconfitta di Firenze? Abbiamo affrontato la partita con troppa tensione, io non l’ho giocata ma sin dai primi minuti si vedeva qualcosa di strano. Non abbiamo reagito bene alla situazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy