Lazio-Napoli, l’iniziativa del club biancoceleste: la piccola Noemi in campo con Immobile

Lazio-Napoli, l’iniziativa del club biancoceleste: la piccola Noemi in campo con Immobile

Bella iniziativa in casa Lazio in vista della gara di questa sera contro il Napoli: la piccola Noemi entrerà in campo con Immobile

di Tony Sarnataro
Tare Napoli Immobile

Lazio-Napoli sarà una gara particolare anche per l’atmosfera che si vivrà sugli spalti dell’Olimpico prima che sul terreno di gioco.

L’INIZIATIVA

Oltre alla coreografia annunciata dalla curva per i 120 anni del club, i festeggiamenti per il compleanno e per la Supercoppa recentemente vinta contro la Juve, una nuova maglia casalinga, e la serie di 9 vittorie di fila, la Lazio oggi vedrà anche un’altra iniziativa importante nella gara contro il Napoli. La bimba Noemi Staiano, rimasta colpita da un proiettile in una sparatoria nel capoluogo campano lo scorso maggio, scenderà in campo mano nella mano con Ciro Immobile. Lo rende noto la squadra capitolina.

IL COMUNICATO 

“I bambini non si toccano”, questo il messaggio sposato dalla S.S. Lazio e dal suo Presidente Claudio Lotito.

In occasione della gara contro la Juventus del 7 dicembre scorso, il club aveva ospitato il piccolo Christy inaugurando il progetto “I bambini non si toccano”. Domani, in occasione della gara Lazio-Napoli, allo Stadio Olimpico di Roma la Prima Squadra della Capitale abbraccerà Noemi Staiano, la bimba rimasta ferita durante l’agguato del 3 maggio scorso in Piazza Nazionale a Napoli. Papà Fabio e mamma Tania saranno presenti al fianco della piccola, che farà il suo ingresso in campo mano nella mano con Ciro Immobile.

Il Presidente Claudio Lotito, da sempre impegnato in attività sociali, ha deciso di intraprendere un nuovo percorso affinché la S.S. Lazio, insignita della benemerenza di Ente Morale dal 1921, possa divenire un punto di riferimento nella difesa di tutte le persone che subiscono violenza e/o sono vittime di episodi di razzismo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy