Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Buso: “Napoli falcidiato dagli infortuni, mi aspettavo una squadra diversa”

(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Renato Buso è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, durante la trasmissione Stadio Aperto, dove ha parlato del Napoli e di Spalletti

Luigi Orti

Renato Buso, ex calciatore tra le altre anche del Napoli, ha parlato ai microfoni di TMW Radio nella trasmissione pomeridiana Stadio Aperto. Tra i temi trattati i recenti risultati del Napoli ed un confronto tra il lavoro di Spalletti e quello di Pioli con le rispettive squadre.

Buso sulla recente partita: "Il Napoli ha tanti infortuni ma contro lo Spezia poteva vincere"

 (Photo by Getty Images)

Di seguito le parole dell'ex calciatore:

"I nerazzurri sono i più attrezzati per stare al vertice. Era normale stentare all'inizio, me lo aspettavo che si sarebbe ripresa. E' la più concreta, ma non pensavo che calassero così Napoli e Milan. Gli azzurri sono stati falcidiati dagli infortuni, i rossoneri hanno perso troppi punti. L'Inter è indubbiamente la squadra più forte e rimarrà tale fino alla fine di campionato".

Sul lavoro di Spalletti e Pioli

"Il Napoli ha avuto tantissimi infortuni, da Osimhen a Koulibaly, ma contro lo Spezia aveva tutte le potenzialità per poter vincere. Mi aspettavo una squadra completamente diversa in certe partite, invece manca ancora consapevolezza. Sono troppo giovani, così diventa difficile ottenere risultati. Il calo del Milan ci stava perché era al di sopra delle sue possibilità e, se hai una squadra giovane, le difficoltà arrivano e fai fatica a mantenerti su certi livelli".

Poi, sul calciatore che più lo ha impressionato

"Ce ne sono di giocatori che stanno facendo molto bene. Mi piace tantissimo Barella che ha avuto un po' di calo in Nazionale, ma nell'Inter sta facendo molto bene. Dà continuità di gioco e di passo, malgrado fisicamente non eccella. E' uno determinante per far crescere la squadra, è straordinario e permette di crescere alla sua squadra".

Sulla Juventus

"Senza dubbio. La Juventus può arrivare dietro l'Inter, non credo possa raggiungerla però al secondo posto può ambire. Ha sbagliato le partite contro squadre minori, sta deludendo e fa fatica sotto il punto di vista del gioco. Vince le partite con punteggi risicati e con grandi difficoltà, anche se ora sta crescendo. Manca sempre qualità a centrocampo e un attaccante di spessore visto che Dybala è spesso infortunato. Morata da solo non basta, serve un centravanti da doppia cifra per arrivare al secondo posto".

Infinte, sulla Fiorentina

"Se vado a vedere i giocatori dico che è molto dura, però Italiano sta facendo un lavoro eccezionale e meraviglioso. Sta tirando fuori il massimo da tutti, conducendo i viola a un risultato importante. Mi auguro possano mantenere questo livello e, se lo mantengono, possono farcela. E' comunque un gradino sotto a Roma e Lazio come qualità. Ikone può dare qualcosa in più a livello di passo e di qualità, sperando si ambienti facilmente. La squadra è buona, ma bisogna davvero fare i complimenti a Italiano. E' riuscito a rigenerare giocatori che facevano fatica da un paio di anni, giocatori contestati... Complimenti".