Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Giordano: “Napoli da scudetto, ma nessuna fuga per il momento. Su Insigne…”

Victor Osimhen (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Ai microfoni di Radio Marte, il giornalista Giordano ha rilasciato alcune parole sul Napoli e sul rigore sbagliato da parte di Insigne

Edoardo Riccio

Quest'oggi, ai microfoni di Radio Marte, Antonio Giordano ha rilasciato alcune parole sul Napoli e sulla lotta scudetto. Il giornalista, inoltre, ha citato anche Lorenzo Insigne e il rigore sbagliato con il Toro.

Giordano: "Insigne ha sbagliato il rigore, ma il merito va anche al portiere"

 (Getty Images)

Di seguito le dichiarazioni del giornalista:

Su Sarri e su Sarri

"La diffidenza sui primi 2 anni venne poi cancellata da un'amore o una fascinazione di massa. Spalletti ha dovuto un attimo rimettere a posto qualcosa, incollare i cocci del passato silenziosamente e assorbire una certa diffidenza che si avvertiva nei suoi confronti e che invece è stata immediatamente ribaltata".

Sulla lotta scudetto

"Nessuna fugaz perché le fughe non partono ora. Oggi abbiamo scoperto che il Napoli è tra le pretendenti allo Scudetto e che le 7 sorelle in realtà sono 5 ma non faccio i nomi. L'Atalanta fa parte di queste, anche se non ha i valori del passato. Perdere Gomez e per un po' Ilicic è stato un pregiudizio tecnico e tattico.

Per me Lazio e Roma sono un po' borderline, anche se la risposta della Lazio con l'Inter è stata straordinaria. Domenica sera a un certo punto la squadra si è scomposta, forse presa un po' dalla rassegnazione. Sono fasi della partita, anche Mike Tyson sul ring non rimaneva sempre sé stesso".

Su Insigne

"Il rigore è un momento di solitudine tra due persone ma anche di caos emozionale. Ovviamente ne ha di più chi calcia. Ma il rigore parato certifica la preparazione di un portiere, non è solo un errore dell'attaccante. Taglialatela studiava con il poco che aveva. Ora c'è Wyscout e quindi si sa dove si batte.

C'è però anche un lavoro psicologico e non è neanche sottile. Da gennaio in poi, da quando ha sbagliato con la Juventus, complessivamente ne ha sbagliati 4, la sua media è cambiata tantissimo".