Insigne: “Sto male, mi assumo la responsabilità. Ma potevamo giocare fino a domani e la palla non sarebbe entrata…”

Le parole del capitano del Napoli dopo la cocente sconfitta contro lo Spezia

di Giovanni Montuori

Lorenzo Insigne è apparso amareggiato nel post-partita ai microfoni di DAZN. Il capitano del Napoli ha commentato la sconfitta casalinga con lo Spezia, assumendosi le proprio responsabilità al di là della sua buona prestazione personale:

“Ci è mancata cattiveria sotto porta. Su 10 tiri si poteva fare di più, io potevo fare di più. Sono io a dover trascinare i miei compagni, e stasera non ci sono riuscito. Sono dispiaciuto. Se avessi segnato avrei aiutato la mia squadra, quindi sto male perché non ci sono riuscito. Non importa se ho giocato bene o male, ma volevo e dovevo segnare. Poi abbiamo avuto anche sfortuna. L’errore di Fabian che ha provocato il rigore è un episodio che può succedere. Ma alla fine penso che potevamo giocare fino a domani mattina, ma la palla non sarebbe mai entrata”.

CLICCA QUI PER IL COMMENTO DI NAPOLI-SPEZIA

Cattiveria

(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images )

Insigne ha poi parlato della cattiveria agonistica, una mancanza che spesso viene contestata al Napoli:

“Non dobbiamo buttarci giù. Dopo una prestazione cosi può succedere di abbattersi, ma dobbiamo restare concentrati e guardare avanti. Tra 3 giorni giochiamo a Udine su un campo difficile. Gattuso ci ha spronati. Quindi ora rialziamo la testa e dobbiamo restare uniti più che mai.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy