Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Insigne, l’agente: “Lorenzo spiazzato, ma stiamo trattando serenamente. Mi aspetto una cosa dalla società”

(Getty Images)

"C’è una stima reciproca con Aurelio ma sa bene che la proposta va aumentata e non tagliata"

Giuseppe Canetti

L'agente di Lorenzo Insigne, Vincenzo Pisacane, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de Il Roma per parlare della situazione del suo assistito al Napoli. Di seguito le sue dichiarazioni.

Le parole dell'agente di Insigne

 Foto by Getty

La situazione

"Ho letto tante sciocchezze sulle richieste per il rinnovo. Il Napoli ha offerto quasi la metà di ciò che guadagna oggi e naturalmente stiamo trattando serenamente. Ognuno fa il suo gioco ma la società deve fare un passo avanti. Sto sentendo troppo spesso giornalisti abbastanza importanti di testate nazionali insinuare che Lorenzo abbia rifiutato offerte irrinunciabili da parte del Napoli. Che vorrebbe ottenere un bonus alla firma e che il presidente si sia spinto oltre ogni limite a livello economico. Premetto che i rapporti con Aurelio sono ottimi e che ci sentiamo varie volte".

La trattativa

"Va detto, però, che il contratto di rinnovo proposto al mio assistito è stato fatto a ribasso di quasi il 50% rispetto a ciò che guadagna oggi. Io faccio il procuratore del capitano e lo devo tutelare sempre. Di solito i rinnovi si fanno al rialzo? Assolutamente sì. Basta vedere il trattamento fatto a chi prima di Insigne ha firmato un nuovo contratto. Inutile dire che Lorenzo sia rimasto spiazzato. Certo. Siamo sempre in contatto con De Laurentiis. C’è una stima reciproca con Aurelio ma sa bene che la proposta va aumentata e non tagliata. Siamo alla fase iniziale dei colloqui ed è normale che ognuno tiri l’acqua al proprio mulino. Si sta facendo passare Lorenzo come uno che sta chiedendo il mondo. E c’è qualche tifoso stupido che lo chiama mercenario. Tutte illazioni nate da notizie contrarie alla realtà. Non so come vengono fuori delle cifre non conoscendo i fatti".

Su Insigne

"È tranquillissimo. Siamo in una fase di stallo dove ognuno fa la sua parte. Personalmente faccio questa professione da sedici anni e non ho mai visto un contratto a ribasso nei rinnovi.Cosa mi aspetto? Che il club faccia un passo in avanti nei confronti del calciatore e di un simbolo di Napoli".

States, una fake news

"Si sparano notizie solo per vendere giornali e avere like. Io ero in Sudamerica per questioni mie di lavoro e non in America. L'incontro con gli americani? Ho già chiarito questa situazione. Lorenzo Insigne stava facendo un investimento in un building assieme ad un altro calciatore della Nazionale al 14esimo e 16esimo piano. Questo non significa che un giorno lontano non possa andare negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna o in qualche altra nazione".

L'attaccamento alla maglia e il futuro

"In questo momento scrivere queste cose è deleterio nei confronti del calciatore, della società e dei tifosi. Bisogna informarsi prima di fare certe affermazioni. Futuro? Ognuno deve fare la propria parte. Non voglio che questa mia intervista possa minare il rapporto tra me il giocatore e la società. È giusto fare chiarezza nei confronti dei tifosi che leggendo fake news se la prende con Lorenzo. Insigne sta facendo il professionista, si allena bene. Gioca come se avesse altri dieci anni di contratto. Per capire l’amore verso i suoi colori basta sentire il pensiero di Koulibaly che disse di non aver mai visto così tanto impegno in allenamento da parte di un calciatore che potrebbe andare via a giugno".