Gattuso: “Abbiamo rischiato di perdere, mi aspettavo di più da chi è entrato. Rinnovo non è priorità”

L’allenatore del Napoli, Gennaro Gattuso, ha rilasciato alcune dichiarazioni questa sera a Sky Sport dopo il pareggio per 1-1 contro l’AZ in Europa League

di Tony Sarnataro

L’allenatore del Napoli, Gennaro Gattuso, ha rilasciato alcune dichiarazioni questa sera a Sky Sport dopo il pareggio per 1-1 contro l’AZ in Europa League.

CLICCA QUI PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI

Le parole di Gattuso

“Potevamo chiudere la partita, non siamo stati bravi. Non una grandissima prestazione, abbiamo sofferto quando loro sono venuti fuori. Ci è andata anche bene, non siamo stati bravi a gestire il secondo tempo. Ci poteva stare una sconfitta ma c’è da dire che non è facile giocare su questo campo. Potevamo fare meglio nella lettura di alcune situazioni. Mi aspettavo di più da chi è entrato, ha dato poco oggi a differenza delle ultime volte. Con un po’ di attenzione in più la portavamo a casa, invece abbiamo rischiato e la sconfitta poteva starci. Ci sono cose positive ma dobbiamo vedere prima quelle negative, dovevamo gestire meglio i 90′. Ci è andata bene, potevamo lasciarci i tre punti. Loro sanno giocare a calcio, sono veloci. Nel primo tempo non sono riusciti ad attaccarci la profondità, nel secondo sono venuti fuori. Comunque ora testa a Crotone, perché dobbiamo andare a fare una partita importante in campionato”.

(Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Rinnovo

“Rinnovo vicino? Per me i contratti non sono la priorità a differenza del lavoro quotidiano. Posso lavorare anche con un contratto di 4-5 mesi, non ci sono problemi. L’importante è il campo. Lo so che a volte sono pesante con i miei calciatori, ma non ci posso fare niente, sono fatto così. Questo lavoro lo so fare così. Ora non so quando firmeremo, se tra una settimana, dieci giorni. Vedremo”.

Assenza Osimhen e scudetto

“Inutile ricordare l’assenza di Osimhen. Max Allegri mi ha insegnato che bisogna fare di necessità virtù, pazienza. L’importante è giocare in undici. Sono contento di Petagna, è inutile stare a ribadire che ci manca Osimhen. Dobbiamo mettere in condizione tutti i nostri attaccanti di rendere al meglio, in attesa di quando tornerà Osimhen. Si spera prima possibile. Pioli dice che siamo da scudetto? Se lo dicono loro va bene. Noi dobbiamo pensare a dare il massimo partita per partita e poi vediamo dove arriveremo”.

CLICCA QUI PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy