ultimissime calcio napoli

Forgione: “Napoli descritto come club di truffatori, contro la Juve si giocherà”

Anguissa (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Angelo Forgione ha parlato a Radio Punto Nuovo, soffermandosi sulle direttive ASL per le prossime partite di campionato, tra cui Juve-Napoli

Domenico D'Ausilio

Angelo Forgione, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Punto Nuovo, soffermandosi sulle direttive ASL per le prossime partite di campionato, tra cui Juve-Napoli.

Forgione sul possibile rinvio di Juve-Napoli

 (Getty Images)

"Quanto accaduto l'anno scorso ci racconta che qualcuno si diverte a gettare discredito sulla credibilità delle Asl campane e il dubbio sulla disputa di Juve-Napoli non ha senso di esistere. Sono provocazioni che nascono da quanto accaduto l'anno scorso, due gradi di giudizio per poi arrivare al Collegio di Garanzia del CONI che restituisce la partita al Napoli, il punto sottratto. Conosciamo la storia e ciò che decretò Sandulli. Quel modo di descrivere il Napoli come un club di truffaldini... sembra ci si voglia togliere ora qualche sassolino dalla scarpa ma bisogna attenersi alle responsabilità di chi lavora per la pubblica sicurezza e se ci saranno le condizioni di giocare si giocherà. I sospetti non hanno ragione di esistere e mettono in discussione chi lavora per la salute pubblica. Il Napoli e le Asl sono due organismi completamente separati. Se l'Asl dice che il Napoli non deve partire non è che c'è un'amicizia e si mette un accordo sotto banco decidendo di non far partire la squadra. Mi sembra un atteggiamento brutto che prima della partita in un'epoca in cui si ritornerà a vedere gli stadi vuoti, mi preoccuperei di questi problemi non di una partita che si possa o meno giocare. Dovesse accadere davvero che l'Asl bloccherà veramente il Napoli e che succederà? Che il Napoli si è messo d'accordo con il direttore dell'Asl? Quale sarà la polemica che verrà dopo? Non ha senso, atteniamoci a ciò che dicono gli organi preposti alla salute pubblica e se accadrà qualcosa si passerà alla Giustizia Sportiva, che sappiamo quanto sia fallace e quanto si comporta in maniera discutibile. Volendo aprire dei casi poco chiari emerge quello Suarez, non messo sotto la lente d'ingrandimento giusta. La Giustizia Sportiva fa il suo corso, non bene secondo me. Il Collegio di Garanzia del Coni, da ente superiore, ha deciso che quella partita doveva essere rigiocata. La Juventus l'ha vinta sul campo e di che parliamo? Adesso continuiamo a tirare fuori il problema dello scorso anno in maniera preventiva perché qualora dovesse intervenire l'Asl si dirà che il Napoli ha interceduto nei confronti degli organi di controllo. Sandulli ha fatto una brutta figura l'ultima volta, è stato smentito e ripescare lui che è un esempio negativo sicuramente non va bene. Ha provato a far passare il Napoli come un club di truffatori e se non è più al suo posto vuol dire che non ha fatto bene il suo lavoro in quel momento. La partita in questo momento si gioca perché nessuna Asl ha detto niente fino ad ora. Se tra dieci giorni deciderà che non ci saranno le condizioni per farla disputare allora sarà un altro discorso".