Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Di Marzio: “Osimhen primo attaccante in Italia, spero che Insigne rinnovi”

Victor Osimhen e Lorenzo Insigne (Photo by Getty Images)

Gianni Di Marzio, ex allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Marte, soffermandosi anche su Osimhen e Insigne.

Domenico D'Ausilio

Gianni Di Marzio, ex allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Marte, soffermandosi anche su Osimhene Insigne.

Di Marzio su Osimhen e Insigne

 Victor Osimhen e Lorenzo Insigne (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

"Mertens dietro la punta al posto di Zielinski? Si dovrebbe tornare al 4-2-3-1. Fabian Ruiz? Lui è portato a sinistra che è il suo ruolo. Anguissa sta un po' sul centrodestra e poi c'è bisogno di uno che corra e si inserisca, penso che Elmas potrebbe fare questo movimento tattico. E lo farebbe molto meglio sia di Zielinski che di Mertens. A partita inoltrata però Mertens lo può fare. Sulla linea difensiva del Napoli non sono convinto della coppia Rrahmani-Manolas. L'assenza di Koulibaly vale per 3 ma insieme a prescindere non danno molto affidamento. Rrahmani con Koulibaly gioca meglio, Manolas invece è più istintivo e ragiona poco. Avanti sarà un problema per la Coppa d'Africa. Petagna può fare un po' a spallate, buon rincalzo ma può servire solo per pochi momenti. Io punterei più su Mertens che sugli altri".

"Il Napoli di Insigne oppure Osimhen? No, di Spalletti! Ha preso la squadra con la voglia di far bene e le idee molto chiare. Il fatto stesso di aver migliorato tecnicamente Osimhen è ottimo. La forza di Spalletti è stata di aver trovato questo Anguissa che ha dato equilibrio al centrocampo. Spero che Insigne rinnovi il prima possibile. Al momento Osimhen è il primo attaccante in Italia. Lautaro Martinez? Ottimo giocatore ma Osimhen oltre a fare gol lavora per tutta la squadra, anche se in zona gol ti fa male. Abraham? In fase di finalizzazione è stato sfortunato ma è un brasiliano d'area di rigore, tecnicamente e fisicamente è molto forte. Donnarumma non meritava di essere fischiato, il pubblico ha dimostrato di comportarsi male, sono stati vergognosi. Un giocatore che gioca per la Nazionale va tifato, a prescindere da tutto. Purtroppo per la Coppa d'Africa mancherà la spina dorsale del Napoli".