Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

De Nicola duro: “Nel Napoli ogni due giorni un infortunio, lo staff lavora male!”

De Nicola duro: “Nel Napoli ogni due giorni un infortunio, lo staff lavora male!”

Le parole dell'ex medico sociale del Napoli

Giovanni Montuori

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Alfonso De Nicola, ex medico sociale SSC Napoli, che ha duramente attaccato lo staff attuale del club che non ha saputo prevenire tutti questi infortuni.

De Nicola critico: "Nel Napoli ogni due giorni un infortunio, è inaccettabile!"

 Foto SSCN

Le parole di De Nicola:

“Sono impazzito l’altra sera quando si sono infortunati tutti. Che cavolo, un po’ di prevenzione si può fare. Noi eravamo la squadra con meno lesioni muscolo-tendinee e invece ora siamo quella che ne ha di più. Ma come si fa a lavorare così male, onestamente? Dai, è così. Io le responsabilità le attribuisco a tutto lo staff. Se tutti sono capaci prevenire, loro non lo fanno. Io non ce la faccio più, ogni due giorni si fa male uno. Capisco Osimhen che prende una capocciata. Però Fabián, Insigne, tutti muscolo-tendinei, quelli li condanno. Si possono evitare perché noi ci siamo riusciti. Allora o non si fa bene il lavoro di prevenzione o il rapporto tra staff medico e tecnico non è come prima. Noi abbiamo sempre giocato ogni tre giorni fino a Natale, le partite sono quelle. Se giochi guadagni, se non giochi non guadagni.

Il problema è che secondo me bisognerebbe lavorare bene anche nel precampionato. Io sono al di fuori di tutto, come tutti gli altri. Immagino e penso queste cose, ciò che può succedere, anche considerando che prima ero dentro. Da primi in classifica, domani come facciamo con l’Atalanta? È la vera outsider del Napoli. Se con il Sassuolo sono bastate 2-3 sostituzioni per farci raggiungere, penso che l’inizio possa essere anche buono, ma a fine partita sarà un disastro. Bisogna uscirne nel migliore dei modi e per farlo bisogna ragionare, essere calmi e valutare tutte le ipotesi possibili. La società ha fatto ciò che riteneva opportuno, quest’anno ha preso gli uomini che servivano, come Sinatti, Calzona. Ciò che cambia è il rapporto vero tra gli staff. Ricordo che all’epoca, quando ero con la gente che c’è ora, ogni sera andavamo a cena fuori e io pagavo. Il rapporto va tenuto veramente, non a chiacchiere. Questo è il problema secondo me. Poi non so perché cambiare le cose quando vanno benino. L’anno scorso, nonostante il Covid, andava benino.

Spalletti ha fatto tanto per essere primo, a fine campionato lui dirà di aver fatto il massimo, ma la società dovrebbe mettere nelle condizioni tutti di rendere al meglio. Cosa che non c’entra con Osimhen: per lui sono stati bravi quelli dello staff medico, operandolo tre giorni prima, che vuol dire recuperare tre giorni prima e sono tanti. Occorre non trascurare nessun particolare, questo significa lavorare bene. Noi perciò abbiamo lavorato bene. Ora mi chiamano tutti per dirmi di dargli una mano, ma io cosa posso fare? Né io né tutta la scienza del mondo potremmo mettere mano ora, bisogna intervenire prima. Il Prof. Giordano, per fare un nome, è a disposizione del Calcio Napoli, così come io. Tutti capiscono tutto e la nostra esperienza non conta niente”.