De Laurentiis: “L’arbitro dovrebbe essere multato. VAR? Ho un’idea”

di Alessandro Silvano Davidde, @ASDavidde
Club Napoli, il messaggio per De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis, patron del Napoli, ha rilasciato oggi una lunga intervista ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli sugli arbitri. Il presidente azzurro ha toccato diversi temi: oltre al ritiro azzurro, qualche parola anche sulla gestione del VAR.

De Laurentiis: “Gli arbitri dovrebbero essere puniti”

 

Il problema arbitrale è serio e complesso che non vuole essere affrontato. Bisognerebbe fare tabula rasa, bisognerebbe mandare tutti a casa! Tutti dovrebbero essere stranieri e ben pagati. Se sbagliano vanno multati, al terzo sbaglio vai a casa. Perché non devono esserci cartellini rossi e gialli per gli arbitri? Perché c’è questa ostinazione a non capire che il VAR deve essere un aiuto? Per ogni tempo ci vorrebbe una chiamata dell’allenatore avversario e dell’allenatore nostro. Se tu dai per due volte in una partita la possibilità di chiamare la VAR ad entrambi gli allenatori, quanto tempo perdiamo? Non tanto. Si perde più tempo come si fa ora, visto che l’arbitro non sa tenere l’autorità in campo.

 

Non solo gli arbitri

 

Il presidente azzurro ha parlato anche del ritiro del Napoli: non da considerare punitivo, ma costruttivo. De Laurentiis vuole che la squadra trovi amalgama: il pensiero è che a Dimaro non si sia trovato il tempo per far conoscere i nuovi acquisti. (Clicca qui per l’intervista completa del presidente del Napoli)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. infodeg_5257949 - 1 anno fa

    Sarebbe ora; se la/il VAR doveva servire a tutelare le squadre, sono invece servite a tutelare UNA squadra. Oggi, con le discrezionalità consentite e i regolamenti farraginosi, chi doveva esercitare pressioni sulla classe arbitrale, al momento può disporre di una vasta rete di sudditi. Se l’arbitro in campo non fa il suo DOVERI, interviene l’arbitro al monitor e/o viceversa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy