Nel corso della mattinata di ieri, a Palazzo San Giacomo, si è tenuta la conferenza di presen

Nel corso della mattinata di ieri, a Palazzo San Giacomo, si è tenuta la conferenza di presen

di Redazione

Nel corso della mattinata di ieri, a Palazzo San Giacomo, si è tenuta la conferenza di presentazione del Napoli Calcio a 5. Un evento al quale ha presenziato la figura istituzionale più alta del Comune di Napoli: il sindaco De Magistris. Al suo fianco hanno presenziato l’Assessore allo Sport, Ciro Borriello, il presidente della squadra, Ciro Veneruso, il sindaco di Cercola, Vincenzo Fiengo, il direttore generale del club, Vincenzo Imperatore ed il il consigliere federale Di Gianvito.

Era percepibile nell’aria un discreto entusiasmo in vista della stagione che è ai nastri di partenza: la prima di campionato si giocherà sabato alle 18.30 contro l’Acqua e Sapone Unigross al Palazzetto dello Sport di Cercola. Si punta alla conquista del titolo, ma la squadra è conscia del fatto che per vincere c’è da lavorare sodo. E’ proprio per questo motivo che il capitano del Lollo Caffé Napoli, Massimo De Luca, ha frenato gli entusiasmi e riportato tutti con i piedi per terra: “Il nostro obiettivo è migliorare i risultati della passata stagione. Promettiamo tanto lavoro, tanto sacrificio sperando che i risultati ci diano ragione”. Il filo conduttore dei singoli interventi è stato un messaggio preciso e mirato: lo sport come riscatto sociale e rivincita per la città. L’intento è quello di dar lustro a questa terra attraverso le eccellenze nello sport.

De Magistris, nel corso del suo intervento, si è volutamente soffermato su questo aspetto: ” Lo sport napoletano è sempre più forte, per questo va ringraziato chi si mette in gioco per valorizzarlo. Lo sport è sinonimo di cultura, intrattenimento ed è molto importante farci investimenti”. Attraverso l’attività sportiva si può attuare anche, e soprattutto, una rivincita sociale nei confronti di chi guarda a questa città con gli occhi offuscati dai luoghi comuni.

In fondo Napul’è mille paure ma anche mille culure. Ed il colore dominante di questa città è, certamente, l’azzurro. Quel connubio perfetto che si scruta all’orizzonte, quando le acque del mare si uniscono al cielo senza dare modo all’occhio di distinguerne la differenza. Quell’azzurro che unisce piccoli e grandi, lo stesso che fa vivere di gioie e dispiaceri i napoletani.

Ma come si attua un rilancio simile? Il sindaco e l’Assessore allo Sport hanno individuato nelle periferie della città il punto da cui partire per costruire o, meglio, ricostruire. Borriello, ai microfoni di CalcioNapoli1926.it, ha infatti sottolineato questo aspetto: “Il vero rilancio della città parte dai luoghi dove si pensa che si vada solo a dormire. La periferia, invece, è il centro e può diventare il centro di aggregazione sociale e soprattutto sportivo”.

Napoli troppo spesso, però, vive di singoli. Di gente che ha il coraggio di mettersi in gioco e metterci la faccia per portare avanti un’idea, un progetto. E’ questo il caso del presidente del Lollo Caffè Napoli: Ciro Veneruso, un imprenditore che si è preso l’onere di investire in questa squadra. In conferenza ha dichiarato: “Da imprenditore, prima che da presidente sono orgoglioso di aver contribuito alla crescita di un progetto sportivo che ha raggiunto un livello d’eccellenza. Vogliamo continuare a migliorare, facendo sempre meglio in campo e fuori, investendo anche nel settore giovanile. L’obiettivo è dar lustro alla nostra città ed essere protagonisti”. C’è da sottolineare il fatto che la famiglia Veneruso non è nuova ad iniziative sociali: la madre di Ciro, Elisa Russo, è fondatrice di un’associazione no profit chiamata “La Forza delle Donne”. Lo scopo? Aiutare concretamente le donne vittime di abusi e violenza.

In conclusione, la mattinata di ieri ha mostrato una Napoli che ha voglia di prendere l’iniziativa e di volersi riscattare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

REDAZIONE – Armando Inneguale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy