Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Chiariello: “Il Napoli ha una freccia nera. Ma oggi non una bella partita”

(Getty Images)

Umberto Chiariello ha parlato ai microfoni di Campania Sport in onda su Canale 21

Sara Ghezzi

Il Napoli ha espugnato Firenze mostrando carattere, grande tecnica e voglia di lottare per portare a casa la vittoria. Anche stasera tra i grandi protagonisti Victor Osimhen che crea pericoli e che si è procurato il rigore. Ma non solo lui, anche Amir Rrahmani si è preso la scena. Ne ha parlato Umberto Chiariello ai microfoni di Campania Sport in onda su Canale 21.

"Il Napoli quest'anno ha una freccia nera. Ma oggi non una bella partita degli azzurri", le parole di Chiariello

 (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Di seguito le sue parole a Canale 21:

"Non è stato un bel Napoli nel primo tempo, per la prima mezzora non ha fatto praticamente nulla se si esclude un lampo di Lozano. Ma in questa stagione i partenopei hanno la freccia nera Osimhen, un calciatore assolutamente imprendibile. Il Napoli, dopo la rete di Rrahmani, avrebbe dovuto chiuderla prima, questo è il mio unico rammarico, ma comunque è arrivato un importante successo. Il Napoli ha dei grandi cambi. Sono entrati Politano, Demme e Dries Mertens: sono tre calciatori molto forti. Voglio dire una cosa anche su Mario Rui. Dopo il disastro contro lo Spartak Mosca, il terzino sinistro ha giocato bene, ha disputato una partita ordinata. La pausa per le nazionali capita al momento giusto. Spalletti perderà diversi calciatori per le nazionali, ma i partenopei avevano bisogno di rifiatare.

Non solo la Fiorentina con il presidente Commisso, anche il sindaco di Firenze, Nardella, deve intervenire per stigmatizzare e condannare gli insulti a Koulibaly.

Che c'entra il sindaco? Stasera allo stadio a fare cori contro Napoli non erano uno o due individui, nemmeno 50. È stato uno stadio intero! Questa sera tutti i fiorentini hanno fatto una pessima figura! Se il caso non si sgonfia con le scuse di società e delle istituzioni, Firenze, culla della civiltà italiana, che figura ci fa!?"