Cesarano sicuro: “Cuadrado ha stravolto i piani di Gattuso”

di Domenico Riemma
Supercoppa Juve Napoli

Il giorno dopo non si può che continuare a parlare della sconfitta nella finale di Supercoppa contro la Juventus. A farlo anche il noto e autorevole giornalista Rino Ceserano.

Cesarano: “Gattuso non ha trovato il piano B”

Supercoppa Juve Napoli
 (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Queste le sue parole ai microfoni della trasmissione “Punto Nuovo Sport Show’,  in onda su Radio Punto Nuovo:

“Supercoppa? Prima di tirare in ballo Zielinski credo che con molta serenità bisogna capire come è andata la situazione. All’ultimo momento la Juventus ha potuto schierare Cuadrado. Le partita è stata preparata senza considerarlo. Se vedi Cuadrado in campo è normale che cambi atteggiamento. Mi ha fatto pena vedere Insigne rincorrere Cuadrado. La prima lettura è questa: Gattuso(Gli agenti di Lozano elogiano Gattuso: queste le loro parole) non ha trovato il piano b per evitare che Cuadrado andasse in raddoppio e mettesse in difficoltà Mario Rui. Forse sarebbe stato meglio sacrificare Zielinski e far rientrare in campo Insigne. È vero mi è sembrato come se il Napoli avesse paura. Emerge, però, anche un altro problema: è una squadra che ha un tasso di fisicità non troppo alto.  Ragazzi c’è stato un errore anche nei cambi. Io due cose non capisco: il ruolo di Elmas e quando Zielinski matura? Ci sono tante di quelle cose da dire, ma non bisogna drammatizzare perché è una squadra che si sta riprendendo. Io faccio mea culpa: avevo sottovalutato la profondità dell’organica. È una rosa profonda ma lì se non ci sono Bakayoko e Demme, dietro c’è il vuoto. Il Napoli per l’anno prossimo deve concentrarsi su un centrocampista anche fisico, visto che Bakayoko tornerà forse. Sono mesi che insisto che nella campagna acquisti ci vuole un’oculatezza maggiore. Aveva più senso tenere Rog, che non Elmas, che sarà pure bravo, ma non si riesce a capire dove giochi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy