Carpi, Bonacini: “La Lega Pro ha votato per il merito sportivo, si sono arrabbiati tutti”

Carpi, Bonacini: “La Lega Pro ha votato per il merito sportivo, si sono arrabbiati tutti”

di Luca D'Isanto, @Luca_disanto1

Stefano Bonacini, presidente del Carpi, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte per esprimere le proprie considerazioni sulla gestione dell’emergenza e la ripresa dei campionati. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“L’assemblea della Lega Pro ha votato un criterio di merito sportivo legato a quella che può essere un’eventuale promozione di una quarta squadra dalla Serie C. Concludendosi un campionato anticipatamente a causa del Coronavirus, purtroppo non è stato possibile determinare la quarta promossa. Nell’ultima assemblea il Presidente ha fatto tre proposte: Play off, determinazione della quarta tramite merito sportivo oppure non determinarla affatto.

L’unico modo per non creare problemi è stato scegliere la seconda opzione, che ha vinto con 23 voti contro 16. La stessa Uefa d’altronde, aveva emesso un comunicato che, in caso di sospensione dei campionati, invocava di fare riferimento al merito sportivo. Si sono arrabbiati tutti, non solo il Bari. Hanno fatto sessanta punti, più di noi, è vero, ma ha fatto anche quattro partite in più è colpa del Carpi se la Lega a noi quelle 4 non ce le ha fatte giocare. Ieri in assemblea 23 Presidenti hanno voltato per il merito sportivo, 16 per i play off. Si è raggiunto un verdetto e bisogna accettarlo”.

Carpi, Bonacini: “Avrei preferito giocare, ma…”

CARPI, ITALY – APRIL 28: President of Lega Serie B Andrea Abodi (R) and patron of Carpi Stefano Bonacini during the Serie B match between Carpi FC and FC Bari at Stadio Sandro Cabassi on April 28, 2015 in Carpi, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

“Se preferivo giocare? Sì. Io all’assemblea di aprile sono stato l’unico che ha preferiva chiudere il campionato, non ho mai preteso di far valere il merito sportivo. Ma attenzione, giocare tutte le partite, non solo dei play-off che ci facevano spendere una fortuna senza dare giustizia al campionato. Poi, una volta che non si gioca, l’unico dato oggettivo e serio è la media punti. Basta pensare che un dirigente come Galliani, che ha frequentato altri palcoscenici, ha votato anch’egli per il merito sportivo.

Maxi ritiri? La Serie A dovrebbe spendere più di 200 mila euro a club per completare il campionato. Noi abbiamo fatto dei conti con degli hotel a seconda delle nostre disponibilità, ma società come Napoli e Juventus sicuramente avranno spese più alte. Non sarà facile per tutti affrontare questi costi”.

CLICCA QUI PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy