Calcagno, vice presidente Aic: “Giusto disertare se il ritiro è punitivo”

Calcagno, vice presidente Aic: “Giusto disertare se il ritiro è punitivo”

A Radio Marte nella trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Umberto Calcagno, vice presidente vicario dell’Associazione italiana calciatori

di Domenico Riemma

A Radio Marte nella trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Umberto Calcagno, vice presidente vicario dell’Associazione italiana calciatori, soffermandosi ovviamente sul caso Napoli scoppiato nelle ultime ore:

“Al momento non ci sono azioni formali in atto tra società e calciatori o comunque noi non lo sappiamo perchè i calciatori non ce l’hanno comunicato.

Il ritiro di per sè non è una sanzione, non si può parlare di sanzione quando si chiede al calciatore di stare insieme e dormire con un compagno di squadra, cosa diversa è il ritiro punitivo.

COSA E’ SUCCESSO CON GLI AZZURRI?

E’ difficile entrare nel merito: anche io ho fatto dei ritiri nell’arco della mia carriera, erano però tutti propedeutici alla migliore preparazione degli incontri di calcio e quindi avevano una giustificazione tecnico-sportiva e non è un caso che nei contenziosi un ruolo determinante l’ha giocato il ruolo dell’allenatore.

CI SONO STATI CONTATTI CON I CALCIATORI DEL NAPOLI?

Se i calciatori del Napoli si rivolgeranno a noi, bisognerà capire se il collegio arbitrale giudicherà che quel ritiro era propedeutico e necessario ai fini della preparazione della partita oppure se si trattava di un ritiro punitivo.

Abbiamo già preso una posizione in passato sui ritiri punitivi, ma non posso esprimermi su quanto accaduto a Napoli perchè non conosco la situazione, ma in generale, se i ritiri sono punitivi, è giusto che i calciatori lo disertino”.

Leggi ancheL’EX CAPITANO DEL NAPOLI ACCUSA GLI AZZURRI: ECCO LE SUE PAROLE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy