Cagni: “Gattuso ha fatto un lavoro eccezionale a Napoli. Il gol del Cagliari non è solo colpa di Hysaj”

di Giuseppe Canetti
koulibaly

Gigi Cagni, allenatore, è intervenuto ai microfoni de “Il Sogno nel Cuore” su 1 Station Radio, per parlare delle principali vicende del calcio italiano e di casa Napoli. Di seguito le sue parole.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SUL CALCIO NAPOLI

Gigi Cagni sul Napoli

Foto by Getty

Sullo Spezia prossimo avversario del Napoli e su Italiano

“Lo Spezia è una sorpresa di questo campionato, come il Benevento, nonostante sia terzultimo. Conosco bene Italiano, quando lo avevo a Verona era già un allenatore in campo. Ha cambiato 7-8 giocatori dall’anno scorso ed è riuscito comunque in breve tempo a farli giocare bene e ad essere una bella squadra. Sono fuori zona retrocessione grazie a buoni calciatori e alla sua mano, ma devono comunque stare attenti in queste ultime quattro giornate”.

“Io esempio di Italiano? Penso abbia preso il meglio da tutti gli allenatori che ha avuto. Ha fatto come me, da calciatore, giocando nel 4-3-3, scelsi di riproporlo anche nella mia carriera di allenatore: con questo modulo si è più compatti in difesa e si spinge di più in attacco. Se Vincenzo (Italiano, ndr) è da Napoli? L’esperienza conta tantissimo, bisogna fare un passo alla volta, perché con dei passi doppi la caduta potrebbe essere più pesante, come nel caso di Pirlo alla Juventus”.

Su Gennaro Gattuso

“Perché Gattuso è passato dal 4-3-3 già collaudato al 4-2-3-1? Ha scelto in base alle esigenze e alle qualità dei calciatori. Mi stupisco come possa essere in discussione dopo quello che ha fatto in un anno e mezzo, forse nessuno ricorda la situazione del Napoli prima del suo arrivo. Rino ha fatto un lavoro eccezionale, non è un ambiente facile, i tifosi sono molto appassionati e la pressione è alta. Forse l’unico errore è stato la sua comunicazione, dovrebbe avere più diplomazia”.

Sul Napoli

“Il Napoli ha i mediani per il 4-2-3-1? Li ha, certo. Il problema che riscontro, non solo nella squadra azzurra, ma anche in altre, è il voler essere troppo belli. Dovrebbero imparare un po’ tutti da Antonio Conte, bisogna guardare più alla concretezza che alla bellezza. Il Napoli ha segnato più di 70 gol in campionato, significa che la squadra sotto porta è concreta, ma non dovrebbe prendere i gol che ha subito”.

Sul goal subito contro il Cagliari

“Avrei parlato con chi ha responsabilità, Koulibaly. Lui è il più forte difensore del mondo, dovrebbe rendere di più, e per questo ha più responsabilità di altri. Gli allenatori dovrebbero dialogare di più con i calciatori, perché, soprattutto quelli più giovani, danno per scontato che sappiano determinate cose, ma non è così. Bisognerebbe tornare a lavorare sui fondamentali in tutti i ruoli”.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy