Birindelli si sbilancia su Juve-Napoli: “Insigne sarà più determinante di Ronaldo”

di Giuseppe Canetti
Supercoppa insigne

Alessandro Birindelli è intervenuto ai microfoni di 1 Station Radio per dire la sua in vista di Juventus-Napoli e per parlare di altri argomenti interessanti. Di seguito le sue parole.

RESTA AGGIORNATO SUL CALCIO NAPOLI

Le parole di Birindelli

Foto by Getty

Ecco quanto dichiarato da Birindelli ai microfoni di 1 Station Radio.

Sulla sosta delle Nazionali e sul rischio Covid

“Il sistema ha commesso qualche errore nello stilare i calendari, visto quanto accaduto con le gare delle nazionali. Forse si è pensato che potesse bastare il protocollo per superare indenni questo periodo”.

Sul Napoli

“Non so spiegarmi gli errori difensivi, sembra una squadra dai due volti se paragoniamo la fase offensiva a quella difensiva. Gli azzurri hanno una delle rose più importanti in Italia in tutti i reparti. Dietro ci sono Manolas e Koulibaly, due tra i difensori più forti del campionato, sulla carta. In avanti hanno una grande qualità: Insigne, Mertens, Zielinski, calciatori che sentono la porta”.

Su Gattuso

“Sta facendo un ottimo lavoro, quando si critica bisognerebbe analizzare il momento: la squadra è stata falcidiata da Covid e infortuni. Troppe critiche destabilizzano l’ambiente, soprattutto in una piazza ambiziosa come quella di Napoli”.

Su Pirlo

“Nel calcio contano i risultati, e alla Juventus anche di più. Sarà valutato in base a ciò che farà da ora fino a fine stagione, ma non credo che rischi l’esonero. Chi lo ha messo sulla panchina bianconera, probabilmente, ha sbagliato valutazione: è stata una scelta dettata dalla presunzione e dalla sopravvalutazione dei calciatori in rosa. Andrea è il meno responsabile, ma, ovviamente, è l’allenatore quello che si becca le critiche”.

“Anche alcuni calciatori hanno deluso, specialmente quelli acquistati a parametro zero, sui quali andrebbe posto l’interrogativo del perché fossero stati lasciati andare dai loro precedenti club. A questi sono stati proposti dei contratti importanti che in Italia non può permettersi nessuno, dunque faranno anche fatica a liberarsene. Mi riferisco a Rabiot e Ramsey, arrivati in un momento particolare, è vero, ma hanno contribuito poco alla causa Juventus: in poche partite sono stati protagonisti o hanno avuto voglia di essere determinanti”.

Su Juventus-Napoli

“Chi può incidere di più domani fra Ronaldo e Insigne? Credo che Insigne sia molto determinante per il Napoli. Negli ultimi mesi è maturato: si sacrifica in fase difensiva, prende calci per la squadra, va a prendere la palla dal basso, fa salire la squadra, ed è per questo che inciderà più lui che Cr7. Occhio al portoghese che, comunque, segna ad ogni palla vagante in area”.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy