Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Bergonzi: “Gol di Ferrari nato da una punizione invertita, Pezzuto in panico”

Bergonzi: “Gol di Ferrari nato da una punizione invertita, Pezzuto in panico”

"È un buon arbitro, farà la sua strada, ma oggi non è pronto per questi eventi"

Giuseppe Canetti

Mauro Bergonzi, ex arbitro e moviolista Mediaset, è intervenuto ai microfoni di 1 Station Radio per dire la sua sulle vicende arbitrali di Sassuolo-Napoli. Di seguito le dichiarazioni.

"Se non ci fosse stato il Var avrebbe perso completamente il controllo..."

 Foto by Getty

Le parole di Mauro Bergonzi:

“Simulazione di Rrahmani prima del fallo di Demme? Assolutamente no. Possiamo dire che l’arbitro non abbia voluto fischiare, ma dire che non ci sia stato contatto non è vero. Tra l’altro, un difensore che si butta a terra nella propria trequarti a pochi minuti dalla fine ed in vantaggio di una sola rete io non l’ho mai visto. L’episodio in questione è un fallo palese sul difensore azzurro, e se anche Pezzuto non lo avesse visto, la dinamica è abbastanza chiara. Il Sassuolo stava giocando per pareggiare, ovvio che i suoi calciatori fossero aggressivi. Il fischietto di Sassuolo-Napoli è molto giovane, ha tanti quid positivi come l’entusiasmo e la freschezza, ma non ha l’esperienza per una gara del genere. È un buon arbitro, farà la sua strada, ma oggi non è pronto per questi eventi. Se non ci fosse stato il Var avrebbe perso completamente il controllo della partita, possiamo dire che questa volta Nasca ha salvato la prestazione del gruppo arbitrale. Il suo volto durante il check del Var sul gol annullato a Defrel diceva tutto, era totalmente in panico. Espulsione di Berardi su Rrahmani? Intervento robusto, ma credo sia stato giusto dare il giallo, siamo al limite: è vero che l’attaccante ha messo a repentaglio l’incolumità dell’avversario, però non c’è stata violenza nell’intervento. Questi giovani arbitri, che sono tutti bravi tecnicamente, devono crescere in esperienza e dal punto di vista della valutazione delle dinamiche di gioco. Ad esempio Marcenaro, che ha esordito in Verona-Cagliari, lo vedo molto preparato sulle dinamiche perché è un ex calciatore. Qui ritorniamo sempre al discorso che al Var ci dovrebbe essere uno che ha giocato al calcio".