Coronavirus in Catalogna, il Napoli contatta la UEFA: non vuole giocare a Barcellona! I dettagli

Coronavirus in Catalogna, il Napoli contatta la UEFA: non vuole giocare a Barcellona! I dettagli

di Sabrina Uccello
Barcellona Napoli uefa

La situazione coronavirus in Catalogna torna a essere preoccupante, con ben 1100 contagiati in un solo giorno. L’amministrazione locale ha imposto nuove misure restrittive per evitare che la diffusione si propaghi. Tornano le riunioni di massimo dieci persone, l’invito a restare a casa e una migliore gestione delle attività per evitare assembramenti. La situazione chiaramente preoccupa il Napoli. Il prossimo 8 agosto, infatti, gli azzurri sfiderebbero al Camp Nou il Barcellona per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

LE PAROLE DI SETIEN SU BARCELLONA-NAPOLI

Il Napoli insiste con la UEFA per spostare la gara contro il Barcellona

Alvino Barcellona Napoli
Camp Nou (Photo by Michael Regan/Getty Images)

Secondo quanto riferisce Il Mattino:

“Il Napoli è molto preoccupato e lo ha già manifestato attraverso primi contatti all’Uefa: la gara di ritorno degli ottavi di Champions League non vuole giocarla a Barcellona ma in altra sede. L’organismo europeo dovrà decidere in merito: il match è fissato per l’8 agosto al Camp Nou a porte chiuse”.

Il club azzurro vorrebbe spostare l’appuntamento in un’altra città. Non sarà facile per la questione risultati e fattore esterno/interno del campo da gioco. Tuttavia, molto dipenderà da come si evolverà il contagio da Covid-19 in Spagna e dalle misure restrittive.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy