Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

De Biasi: “Il Legia è inferiore al Napoli, gli azzurri faranno risultato”

De Biasi: “Il Legia è inferiore al Napoli, gli azzurri faranno risultato”

Ai microfoni di Radio Marte, Gianni De Biasi, ct dell'Azerbaigian, ha parlato del Napoli e della prossima sfida con il Legia Varsavia, valorizzando alcuni giocatori della rosa

Edoardo Riccio

Quest'oggi, ai microfoni di Radio Marte, Gianni De Biasi ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Napoli e sulla prossima sfida di questo pomeriggio con il Legia. Il ct dell'Azerbaigian, inoltre, ha citato alcuni giocatori della rosa azzurra, tra cui Anguissa.

De Biasi: "Anguissa è arrivato nel posto giusto al momento giusto"

 (Getty Images)

Di seguito le parole rilasciate dal ct della nazionale:

Sul Legia Varsavia, avversione del Napoli questo pomeriggio 

"L’ho vista ad agosto nel preliminare europeo contro la Dinamo Zagabria. Hanno uno stadio e un pubblico pazzeschi e calorosissimi, un pubblico tra i più rumorosi a livello europeo. In campionato sta andando malissimo, tanto è vero che hanno esonerato l’allenatore. Non ha nulla a che vedere con le potenzialità e le qualità del Napoli, anche se gli azzurri avranno assenti.

Ma il Napoli è in un trend straordinario, può fare risultato con chi vuole e come vuole. Mertens, Petagna e Meret alternative? Avercele! Farei un salto di qualità notevole se li avessi in Nazionale".

Sull'avvio di stagione degli azzurri

"Il Napoli non lo considero una sorpresa per il campionato, perché ha già un buon bottino di punti di vantaggio. Insieme al Milan e all’Inter lotterà fino alla fine per il primo posto. Non penso che la Juventus possa rientrare in corsa, 16 punti di distacco da 2 squadre sono tanti. A parte l’altra sera in Champions League non l’ho mai vista recitare da protagonista. Spalletti si è inserito molto bene nel contesto, ha dato una quadratura in modo veloce al Napoli e credo che abbia tutte le carte in regola per lottare fino alla fine".

Su Anguissa e Osimhen 

"Come allenatore se non hai i giocatori vai poco lontano ma il Napoli ha qualità, con Sarri e con chi lo ha succeduto è cresciuto gradualmente. Quest’anno ci sono anche Osimhen e Anguissa che hanno dato un grande apporto a livello di forza e tecnica, giocatori importantissimi per una realtà come il Napoli.

L’attaccante si è inserito nelle dinamiche, questo è l’anno della consacrazione. Il centrocampista non era super conosciuto ed è arrivato nel posto giusto al momento giusto. Non so se sia lui che trae vantaggio dal Napoli o viceversa ma è un buon inserimento.