Torino, Cairo: “Attendiamo il protocollo e le decisioni del governo. Allenamenti? L’incognita è un’altra”

di Sabrina Uccello

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlato a Radio Anch’io lo Sport della delicata situazione che vive il calcio italiano e delle decisioni che dovranno susseguirsi.

Di seguito alcune delle sue riflessioni: “Bisogna essere ligi e attentissimi alle precauzioni, rigorosi nel pretendere che venga preservata al massimo la salute di tutti, è il bene fondamentale da tutelare. Noi ci atterremo alle disposizioni governative, è in fase di studio un protocollo che conterrà le linee guida e che, immagino, non è facile mettere a punto essendo il calcio sport di contatto. Di conseguenza il virus si può trasmettere più facilmente. Siamo in attesa delle decisioni degli scienziati e del governo. L’aspetto fondamentale è che sia adottato un protocollo totalmente sicuro, soprattutto per quando dovessero riprendere le partite, con il contatto fisico tra i giocatori. In questa fase è importante tenere in conto questo elemento”.

Cairo sulla ripresa degli allenamenti

Torino Cairo
Urbano Cairo (by Getty Images)
“Si tratterà di pochi giorni di differenza, la vera incognita è come possono reagire degli atleti di serie A ad uno stop prolungato: sono fermi da oltre due mesi, cosa mai accaduta. In estate non si raggiunge mai un periodo così lungo di inattività. Sì in casa hanno fatto cyclette, tapis roulant, i pesi… Ma prepararsi al campionato richiede ben altra attività. Noi pretendiamo una sicurezza assoluta. Vedremo come si potrà proseguire, in quali condizioni. Non credo realizzabile un campionato che vada da gennaio a dicembre.”
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy