Tardelli: “I calciatori vengono interpellati poco, dovevano far sentire la loro voce”

Tardelli: “I calciatori vengono interpellati poco, dovevano far sentire la loro voce”

di Francesco Melluccio

Marco Tardelli, ex calciatore, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio nel corso della trasmissione Maracanà, per parlare dell’emergenza CoronaVirus e della possibilità di annullare il campionato di Serie A, ormai fermo da diverso tempo.

LE PAROLE DI MARCO TARDELLI

I calciatori non faranno problemi, credo che si ridurranno gli ingaggi, lo hanno fatto anche in altri momenti. Però vengono interpellati poco. Non lo sono stati durante la prima fase del Coronavirus, quando si decideva se giocare a porte aperte o meno. Probabilmente dovevano far sentire la loro voce.

Prima con Campana era un sindacato, ora è un’associazione. Non va bene.

Bisognerà fare distinzioni, perché non tutti guadagnano tanto, vedi quelli delle categorie minori. Sarà una cosa da affrontare quella degli ingaggi, non solo in Italia ma in Europa“.

COME ASSEGNARE I TITOLI?

Ritengo che il campo deve dare i titoli. Non si può fare nulla. Si annulla il campionato e si pensa al prossimo. E’ un peccato, ma se continuerà così, penso di debba annullare il campionato e cristallizzare la classifica per la partecipazione alle Coppe. Qualcuno ci andrà a perdere, ma non si può fare altrimenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy