Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

Serie A, Adiconsum contro Dazn: “L’esclusiva ha creato un monopolio”

Diletta Leotta (Foto Daniele Buffa / Image Sport / Insidefoto)

Dopo le ultime voci circolate di recente sulla possibilità che Dazn potesse dire stop alla visione della Serie A su due device diversi, Adiconsum ha alzato la voce attaccando il colosso londinese.

Simone Di Maro

Dopo le ultime voci circolate di recente sulla possibilità che Dazn potesse dire stop alla visione della Serie A su due device diversi, Adiconsum ha alzato la voce attaccando il colosso londinese. L’associazione a tutela dei diritti dei consumatori ha richiesto un intervento delle autorità per togliere i diritti esclusivi alla piattaforma per lo sport in streaming.

Monopolio Dazn, Adiconsum chiede ad Agcom di intervenire

 (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Dalla scarsa qualità di trasmissione video ai frequenti disservizi per i clienti, sono tante le problematiche che Dazn sta accusando da quando detiene i diritti esclusivi del campionato di calcio di Serie A. Adiconsum va all'attacco con un comunicato ufficiale: "Concedere l’esclusività dell’evento sportivo più popolare in Italia ad un solo operatore ha creato di fatto un monopolio".

Ecco le richieste dell'associazione a tutela dei diritti dei consumatori alle autorità e in particolare ad Agcom:

  • estendere il già esistente accordo per bar e ristoranti che permette la visione di tutte le partite del campionato anche in 4k su piattaforma satellitare anche ai consumatori
  • verificare tutte le condizioni di contratto previste da DAZN, comprese quelle per le ricaricabili, e farle modificare nelle parti che non garantiscono i diritti del consumatore come: l’istituzione del servizio clienti telefonico, le modalità di reclamo e recesso e la partecipazione alle conciliazioni
  • analizzare le modalità che DAZN prevede per le aree a bassa connessione con sistemi che garantiscano l’inclusione dei cittadini senza elevare i costi
  • intervenire e regolamentare le modifiche unilaterali.